diredonna network
logo
Stai leggendo: “Sei Troppo Grassa per Un Bikini”: La Reazione di Jessica è da Applausi!

"Sei Troppo Grassa per Un Bikini": La Reazione di Jessica è da Applausi!

Amiche, quando voi andate in un negozio vi permettete di commentare i look di perfette sconosciute? Siamo sicure di no, eppure succede: stavolta è accaduto a Jessica, ma la sua risposta è da applausi a scena aperta!
donna curvy insultata per bikini
Fonte: metro.co.uk

Ci risiamo. Ci risiamo con una notizia di quelle che ormai, ahinoi, sono all’ordine del giorno: ragazze normali o modelle prese di mira perché “troppo magre” e ragazze normali o modelle curvy e plus size insultate perché troppo grasse. Ci risiamo con la crociata del fat shaming e del thin shaming, l’impresa ostinata di qualche imbecille che vorrebbe far vergognare le donne per il loro aspetto fisico. E il tono degli “apprezzamenti” non è certo quello di un’amica che dà un consiglio in buona fede né tanto meno quello di un esperto.

Stavolta la “vittima” – tra virgolette perché fortunatamente ha saputo difendersi egregiamente – si chiama Jessica Portelli, di Brighton; è stata colpita dalla stupidità di certi commenti mentre faceva shopping alla ricerca di un bikini (come se comprare il costume giusto non fosse già abbastanza stressante…). Per Jessica il fatto di avere dei chili in più non era – e non è – assolutamente un problema e di sicuro quando è uscita di casa non pensava che di lì a poco qualcuno avrebbe cercato di farla vergognare del suo corpo. Il “qualcuno” in questione è una donna (!) che era in coda nel suo stesso negozio.

Jessica, 24 anni, era in coda al Matalan, un negozio di abbigliamento, per provare un bikini quando un’altra donna si è rivolta a lei dicendole, come se fosse normale, che era “troppo grossa per indossare cose come quella”.

La 24enne – una taglia 50-52 – non ha pensato nemmeno per un istante a cadere nell’imbarazzo a causa di un’opinione non richiesta e di certo non meno fuori luogo.

Quando quella signora si è rivolta a me in quel modo – ha confidato Jessica a Metro Uk – mi sono limitata a rispondere seccamente spiegandole che le  donne come lei non dovrebbe dire alle donne come me cosa possano o non possano indossare. Avevo con me il bikini solo per potergli dare un’occhiata prima di provarlo quando lei se ne è uscita con la sua frase, per giunta ridendomi in faccia.

jessica portelli troppo grassa per un bikini
Jessica Portelli – Fonte: metro.co.uk

Nonostante la pronta risposta di Jessica, la donna non si è sentita in imbarazzo e non si è fermata: “Lo dicevo solo perché starebbe male se paragonato al mio fisico in bikini”. Ma, ancora, Jessica non sta zitta (giustamente):

Ho risposto di nuovo che io sono felice nel mio corpo e amo il modo in cui sono, la mia bellezza. Non aveva niente da dirmi, in realtà, e mi sono sentita davvero fiera di entrare nel mio camerino, tanto che ho scattato una foto. Non lascerò certo che sia una donna come quella a distruggere la mia autostima.

Il selfie è stato mandato anche ad alcuni amici di Jessica, che hanno risposto con pollici all’insù, e più tardi la giovane ha deciso di condividere immagine e storia anche su Facebook.

jessica portelli troppo grassa per bikini
Fonte: Facebook @ Jes P Orpelli

Solitamente – ha scritto Jessica accanto all’immagine – non pubblico foto come questa su Facebook, ma ciò che è successo oggi dovrebbe essere condiviso per aumentare la consapevolezza. Una ragazza in un negozio mi ha detto che le ‘ragazze come me’ non dovrebbero indossare un bikini! Ok, donna, lascia che ti dica qualcosa: sono felice con me stessa e con la mia grooooossa pancia con le smagliature, ma potresti aver detto la stessa cosa a una ragazza che finalmente è uscita là fuori e ha trovato il coraggio di mettersi un bikini: ne avresti distrutto l’autostima con un commento stupido. Puoi essere della taglia che vuoi ed essere bella! L’autostima è ciò che rende sexy e non certo una taglia 38. Grazie per aver cercato di farmi vergognare del mio grasso, grazie a te ho ottenuto uno straordinario sconto sul mio bikini! Con amore.

Jessica ha riso ancora e ha di fatto avuto l’ultima parola, infatti, dopo che un dipendente del Matalan di Brighton ha insistito per farlo uno sconto sul bikini per il fatto che la giovane avesse dovuto aver a che fare con una simile cafona negli spogliatoi. Non che il commento abbia scalfito l’autostima di Jessica di un millimetro.

Il ragazzo che mi ha fatto lo sconto è stato davvero gentile, ma io non ero in alcun modo disturbata da ciò che quella donna ha detto, mi è entrato da una parte e uscito dall’altra.

Bravissima, Jessica. Ora, amiche, potremmo dire che il peso di questa ragazza sia eccessivo, che potrebbe influire sulla sua salute e che magari indossare un bikini potrebbe essere prova di cattivo gusto. Potrebbe anche essere vero, ma lei è felice, si sente bene e ha imparato a passare sopra alle critiche: da qui in poi, dunque, il suo peso non è più un problema nostro, qualora lo fosse mai stato. Quello che ci rammarica è che a usare quelle parole taglienti sia stata una donna. Parliamo tanto di solidarietà femminile e poi ci perdiamo in un bicchiere d’acqua. Un esamino di coscienza, forse, non fa male a nessuna di noi (noi comprese). Che ne dite, amiche?