Il Parlamento Europeo ha preso posizione su una questione che è ormai diventata di grande attualità, il diritto all’aborto. La decisione arriva dopo l’annullamento da parte della Corte Suprema americana della sentenza Roe v. Wade, in vigore dal 1973, che consentiva alle donne di interrompere la gravidanza liberamente, anche in assenza di problemi di salute della gestante o del feto.

In occasione della riunione plenaria che si è tenuta a Strasburgo il 7 luglio 2022, è stato dato il via libera alla risoluzione in cui l’Eurocamera “Condanna fermamente la regressione in materia di diritti delle donne e di salute sessuale”. L’obiettivo è quindi quello di inserire il diritto all’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’UE. A votare a favore sono stati 324 deputati, mentre sono stati 115 i contrari e 38 gli astenuti.

Come le donne hanno abortito prima che l’aborto fosse legale

Tra gli oppositori figurano gli europarlamentari di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia. A favore ci sono invece i Socialisti e Democratici (tra cui tutta la delegazione del Pd), salvo tre dissidenti (non italiani), i liberali di Renew (tranne quattro deputati), i Verdi, la Sinistra unitaria e il M5s.

La risoluzione sottolinea la necessità di presentare al Consiglio una proposta che porterebbe a modificare l’articolo 7 (rispetto alla vita privata e familiare), con l’introduzione di un paragrafo, denominato 7a, in cui si sottolinea che “Ognuno ha il diritto a un aborto sicuro e legale”. Non ci si vuole fermare qui: come si legge su Avvenire, gli Eurodeputati puntano infatti a “Chiedere all’Ue e ai suoi Stati membri di legalizzare l’aborto (l’unico Stato membro in cui è del tutto vietato è Malta, ndr) e a inserirlo nella Dichiarazione universale dei diritti umani”.

Particolare attenzione è stata inoltre rivolta alle conseguenze che la nuova normativa potrebbe avere su molte donne statunitensi. Si è così deciso di mandare un nuovo appello al “Congresso degli Stati Uniti ad approvare una legge che protegga l’aborto a livello federale”.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!