"Sbaglio a essere sincera con voi!": Arisa mostra la collezione di sex toys

La cantante, in una serie di storie Instagram, ha mostrato ai follower i suoi giochi erotici e tra i commenti c'è chi si propone di farle compagnia. Ma lei replica subito che non li usa per mancanza di affetto, ma sono solo un modo per "vivere un momento con se stessi".

Arisa, in una serie di storie Instagram, ha mostrato ai suoi follower la sua collezione di sex toys. La cantante, facendo il cambio armadio, ha ritrovato una serie di “reperti interessanti” dimenticati tra pile di vestiti e asciugamani.

"I'm Your Man", ovvero come imparai ad amare il mio sex toy

L’ironia della cantante e la sua sincerità nel mostrare i giocattoli erotici, ha scatenato i commenti dei fan e, tra questi, ci sono state le solite frasi bigotte e sessiste a cui Arisa ha voluto rispondere, sempre a suon di stories:

“Comunque ragazzi, io sbaglio sempre a essere sincera con voi, perché trovo una cosa divertente, la voglio condividere con voi e c’è subito chi mi scrive ‘se hai bisogno’, ‘se vuoi vengo a casa tua’, ma potete essere un pochino più carini?”.

Instagram @arisamusic

Arisa si riferisce evidentemente a tutti quelli che le hanno scritto pensando che utilizzare i sex toys sia un chiaro e inequivocabile segnale della mancanza di un partner, e quindi si sono sentiti chiamati all’appello per cercare di colmare un vuoto:

“I sex toys non si usano soltanto per mancanza di affetto, ma si usano anche per voler vivere un momento con se stessi. Capito? Cioè, non è che a me manca qualcosa e allora mi compro il sex toys. A me non mi manca proprio niente, tranquilli”.

Instagram @arisamusic

Commenti che chiariscono, se servisse ancora farlo, come la sessualità femminile sia ancora un grande tabù. Secoli di maschilismo hanno infatti eletto il piacere delle donne a una cosa vergognosa di cui non parlare, una colpa. Impensabile quindi addirittura mostrare dei giochini “scandalosi”.

Ma nel 2022 un dialogo sereno e aperto sulla masturbazione e sul sesso dovrebbe essere possibile, in modo da cancellare la disinformazione e quell’assurdo senso di imbarazzo che le donne provano per qualcosa che invece è del tutto normale e naturale.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!