logo
Stai leggendo: “Violentata a casa di Chris Brown”, guai per l’ex di Rihanna

"Violentata a casa di Chris Brown", guai per l'ex di Rihanna

Alla festa le sarebbero stati offerti alcol e droghe tra cui marijuana, cocaina e ecstasy. Subito dopo sarebbe stata portata in una camera dove avrebbe visto diverse donne fare sesso son Grissom e Brown. Lei, però, si sarebbe rifiutata di partecipare all'orgia.
Chris Brown

Sono durissime le accuse che una donna di Los Angeles ha mosso nei confronti di Chris Brown, rapper condannato nel 2009 per maltrattamenti e violenze contro la sua ex fidanzata, Rihanna. Stando a quanto riportato dai media di tutto il mondo tra cui Variety, la violenza – a casa di Brown – si sarebbe consumata nel febbraio 2017 durante un party: con lui c’era anche un suo amico. La presunta vittima sarebbe stata aggredita e violentata nel corso di una festa nell’abitazione del rapper. Nelle carte legali la donna è stata identificata come “Jane Doe” ma di lei non si conosce la vera identità, per tutelare la sua incolumità. I fatti però parlano chiaro: sarebbe stata attirata nell’abitazione del rapper subito dopo un concerto tenutosi in un club a febbraio 2017. Giunta a casa, sarebbe stata violentata più volte da Lowell Grissom. E non è finita qui: sarebbe stata aggredita anche da una donna che l’avrebbe costretta a compiere atti di sesso orale.

Ma come mai una donna finisce al party a casa di Brown? Stando alla sua ricostruzione, infatti, la presunta vittima sarebbe andata fin lì per recuperare il cellulare che le era stato sottratto durante l’after party del concerto. In quella festa le sarebbero stati offerti alcol e droghe tra cui marijuana, cocaina e ecstasy. Subito dopo sarebbe stata portata in una camera dove avrebbe visto diverse donne fare sesso son Grissom e Brown. Lei, però, si sarebbe rifiutata di partecipare all’orgia e così sarebbe stata violentata da Grissom e dalla donna. A quel punto si sarebbe allontanata recandosi nella stazione di polizia per denunciare tutto. Queste le parole del legale della presunta vittima:

Ha intentato la causa perché vuole giustizia per se stessa ma soprattutto vuole mettere in allarme altre ragazze che potrebbero trovarsi nella stessa situazione.

Nessuno dei due ha commentato la notizia.