logo
Stai leggendo: Burger King ritira la pubblicità sessista dei Mondiali (e si scusa)

Burger King ritira la pubblicità sessista dei Mondiali (e si scusa)

La folle campagna pubblicitaria sessista lanciata da Burger King Russia in occasione dei Mondiali di Calcio è stato cancellata. E sono arrivate anche le scuse.

La folle campagna pubblicitaria lanciata da Burger King Russia in occasione dei Mondiali di Calcio, che si stanno svolgendo in questi giorni, è stata prontamente rimossa dalla catena di fast food dopo le forti polemiche.

Ad indignare l’opinione pubblica il fatto che lo spot invitasse le donne russe a farsi mettere incinta da alcuni famosi calciatori. Cancellare la pubblicità sessista non era ovviamente sufficiente: Burger King ha infatti deciso di chiedere anche pubblicamente scusa.

La campagna pubblicitaria è stata pubblicata sulla piattaforma VK  – uno dei più importanti social network russi – e mostrava un video in cui veniva riferito che tutte le donne che si sarebbero fatte ingravidare da uno dei giocatori più importanti del mondiale avrebbero ricevuto 3 milioni di rubli, pari a circa 40 mila euro. Oltre alle pecunia, le “fortunate” avrebbero ricevuto anche una fornitura a vita di Whoopers, gli hamburger più identificativi di Burger King.

L’obiettivo dell’annuncio – che è diventato virale in pochissimo tempo – aveva come obiettivo (nelle intenzioni dei pubblicitari, ovviamente ironico) quello di “ottenere” i migliori geni dai più forti calciatori del mondo, così da assicurarsi una progenie di grandi calciatori russi in futuro.

Il post è stato poi cancellato in seguite alla forte ondata di indignazione, pubblicando le seguenti scuse:

 Ci scusiamo per la promozione che abbiamo rilasciato. Si è rivelata troppo offensiva. Vi ringraziamo per il feedback e abbiamo rimosso le informazioni relative presenti sull’applicazione