La cattiveria umana non conosce davvero limiti, e in questo momento c’è una famiglia molto preoccupata per la sorte del suo amico a quattro zampe.

Il 15 febbraio un uomo è entrato in un’abitazione di Nola, in provincia di Napoli, scavalcando la parete, e ha portato via il cagnolino Totò, un barboncino red del valore di circa 1000 euro. È stato subito pubblicato un annuncio su Facebook per chiedere aiuto e invitare alla ricerca del povero quattro zampe, che nel video, ripreso dalle telecamere di sorveglianza della casa, guaisce disperatamente mentre viene portato via.

A pubblicare il post Filomena Piscitelli, cugina dei due bambini a cui Totò è stato rubato senza scrupolo, e la richiesta di aiuto è stata rilanciata anche dal consigliere di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Questa mattina a Nola nel napoletano, quest’uomo è entrato in casa dei miei cuginetti per rubare il loro cagnolino, Totò di 5 mesi (barbone red) – si legge nel post – Da questo gesto, che ha turbato sia i due bambini che il povero cagnolino indifeso, si evince l’infinita cattiveria di quest’uomo o del mandante… Chissà! Tanti sono gli interrogativi, ma vi chiederei nel caso in cui riconosceste qualche dettaglio o qualche cucciolo sospetto di contattarmi.

Dovrei prepararmi all'addio? Quando l'animale di casa è vecchio

Il cagnolino ha regolare microchip, e si spera che attraverso le immagini si possa risalire presto all’autore del rapimento; nel frattempo la famiglia di Totò ha sporto denuncia ai Carabinieri, che proprio analizzando il filmato cercheranno di recuperare l’identità del criminale. Nel frattempo, fra i molti commenti spuntati sotto il post c’è più di uno che ventila l’ipotesi che il povero cucciolo possa essere stato rubato per essere poi rivenduto anche su siti di compravendita, dal momento in cui la razza cui Totò appartiene è fra le più ricercate.

Speriamo naturalmente che il cagnolino possa presto fare ritorno alla sua casa e alla sua famiglia, e che l’uomo che lo ha portato via paghi quel che si merita.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!