logo
Stai leggendo: Chanel è una delle più grosse aziende del lusso con oltre 8 miliardi di entrate

Chanel è una delle più grosse aziende del lusso con oltre 8 miliardi di entrate

Chanel si conferma come una delle più grosse aziende del lusso al mondo: supera anche competitor come Gucci e Louis Vuitton.
chanel

Non era mai successo. Chanel ha reso pubblico il suo bilancio annuale per la prima volta dopo 108 anni. Si tratta di uno dei marchi di moda più apprezzati al mondo, quello che è impossibile non conoscere ed amare. Le vendite totali del 2017 sono state di 9,62 miliardi di dollari, ovvero 8,27 miliardi di euro: un numero che indica come il mercato sia in crescita, in aumento dell’11% rispetto all’anno precedente soprattutto grazie alle vendite estese nella regione asiatica del Pacifico e in Europa. Chanel, dunque, si conferma come una delle più grosse aziende del lusso al mondo: supera addirittura competitor come Gucci e Louis Vuitton.

Gucci, ad esempio, ha avuto entrate per 6,2 miliardi di euro nel 2017 e, secondo gli esperti, quelle di Louis Vuitton saranno tra gli 8 e i 10 miliardi sempre in riferimento allo scorso anno. Chanel, tra l’altro, ha investito molto in pubblicità, sfilate ed eventi internazionali che rafforzano il suo brand facendolo conoscere sempre di più in ogni angolo del mondo. Numeri alla mano, sono stati stati spesi per attività a sostegno del marchio ben 1,46 miliardi di dollari, ovvero 1,25 miliardi di euro, che si traducono in un 15% in più rispetto all’anno prima. Chanel non smette mai di investire.

È Philippe Blondiaux, direttore finanziario di Chanel, a spiegare al “New York Times” il motivo della decisione, di rendere pubblico il bilancio annuale dopo ben 108 anni (non era mai accaduto prima, ecco perché la notizia ha fatto il giro del mondo). Queste le sue parole:

Abbiamo capito che era il momento di mettere i fatti sul tavolo e mostrare esattamente chi siamo: un’azienda da 10 miliardi di dollari con dati finanziari molto solidi […]. Abbiamo capito che siamo spesso al centro di speculazioni e che le persone non hanno dati alla mano: questo provoca la circolazione di informazioni false o fuorvianti. È tempo che la forza del nostro bilancio parli da sé.