Ucciso a coltellate lo chef Alessio Madeddu: partecipò al talent "4 Ristoranti"

L'uomo, 51 anni, è stato ritrovato morto davanti al suo locale Sabor' e mari, a Porto Budello, in Sardegna. Nel 2008 aveva partecipato al noto programma di Sky condotto da Alessandro Borghese.

È giallo sulla morte di Alessio Madeddu, il cuoco di 51 anni, originario di Teulada, Sardegna, diventato famoso grazie alla sua partecipazione al programma condotto da Alessandro Borghese, 4 Ristoranti. Il suo corpo è stato rinvenuto nella mattina del 28 ottobre attorno alle 9.30 davanti al suo noto locale Sabor’ e mari, a Porto Budello. Come riporta l’Ansa, l’uomo sarebbe stato colpito ripetutamente da un’arma da taglio, probabilmente un lungo coltello o un’accetta.

Le 72 persone morte nell'incendio di Grenfell: quando l'avidità dei ricchi uccide

L’uomo era stato condannato nel 2020 a sei anni e otto mesi di reclusione per duplice tentato omicidio, danneggiamento e resistenza. Nel novembre di quell’anno, infatti, lo chef era salito alla ribalta delle cronache nazionali per aver assalito con una ruspa una pattuglia di carabinieri che in precedenza gli avevano ritirato la patente dopo il suo rifiuto di sottoporsi all’alcoltest. Una volta arrestato, Madeddu aveva trascorso circa cinque mesi di custodia cautelare in carcere, riuscendo poi ad ottenere i domiciliari.

Madeddu, 52 anni, è conosciuto soprattutto per essere entrato in gara nel programma di Sky Uno 4 Ristoranti, condotto da Alessandro Borghese, nel luglio 2018, trasmesso anche in chiaro su Tv8. Il cuoco era stato protagonista di una puntata dedicata al “Miglior ristorante da vacanza del sud della Sardegna”, un locale, l’Ittiturismo Sabor’ e Mari, che tre anni prima aveva preso in gestione dalla sorella e dal padre. Alessio Madeddu è apparso anche sulla rete sarda Ejatv.

Sull’omicidio stanno indagando i carabinieri del comando provinciale di Cagliari e Carbonia. Sul posto sarebbe giunta anche la pm di turno Rita Cariello insieme al medico legale Roberto Demontis, mentre la strada provinciale che conduce al ristorante della vittima è sotto il controllo dei carabinieri, che non permettono a nessuno di avvicinarsi.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!