Mentre ci avviamo verso la Fase 2 dell’emergenza sanitaria correlata all’epidemia di Covid-19, il Governo ha iniziato ad allentare la morsa delle restrizioni introducendo alcune novità che ci avvicineranno lentamente alla fine del lockdown.

Questa nuova fase, una sorta di Fase 1-bis, è stata avviata attraverso il Dpcm del 10 aprile, con il quale il Governo ha riaperto le cartolibrerie e i negozi d’abbigliamento per bambini e riavviato le attività forestali e la produzione di computer e di ICT.  Nelle prossime settimane sono attese novità anche per altri settori dell’industria, anche se in questo momento è difficile fare previsioni.

Per quanto riguarda i supermercati, il Governo ha deciso di introdurre alcune novità, in vigore dal 14 aprile, a partire dall’ampliamento delle fasce orarie d’apertura per ridurre al minimo il rischio di assembramenti. Naturalmente le regole precedenti restano in vigore, come, per esempio, la distanza minima da rispettare, l’uso dei guanti e la possibilità di fare la spesa per un solo membro della famiglia alla volta.

Le nuove regole introdotte dal Dpcm del 10 aprile:

  • Mascherine e guanti obbligatori per fare la spesa
  • Obbligo di indossare le mascherine valido anche per i dipendenti
  • Gel disinfettante vicino alle casse obbligatorio
  • Obbligo di effettuare la pulizia due volte al giorno
  • Nei piccoli negozi (max 40 m²) si potrà entrare solo uno alla volta
  • Realizzare percorsi distanziati per le entrate e per le uscite, dove è possibile
  • Ampliamento delle fasce orarie d’apertura
  • Informare la clientela su come bisogna comportarsi all’esterno e all’interno del negozio

Non tutte le Regioni hanno però deciso di adeguarsi a tutte le nuove disposizioni del Governo: ad esempio in Campania, per Ordinanza del Presidente De Lucail commercio al dettaglio di articoli di carta, cartone, articoli di cartoleria e libri resterà sospeso, ad eccezione di quello già esercitato nelle edicole, negli ipermercati e nei supermercati, nelle tabaccherie, nonché dalla grande distribuzione multimediale e via internet”. Un’ordinanza simile è stata emanata anche dai Governatori del Piemonte e della Lombardia.

Coronavirus, come andare al supermercato senza esporci al rischio del contagio

Nel Lazio la riapertura delle cartolibrerie è stata posticipata al 20 aprile. Il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha dato l’ok per la ripresa dei lavori di manutenzione di orti, frutteti e stabilimenti balneari. In Friuli Venezia Giulia e in Veneto sarà consentito fare attività motoria, purché non oltre i 200 metri da casa e con le dovute misure di sicurezza (mascherine, distanza sociale, etc).

La discussione continua nel gruppo privato!