logo
Stai leggendo: Dawson’s Creek: 23 Cose Che Probabilmente Non Sapete!

Dawson's Creek: 23 Cose Che Probabilmente Non Sapete!

Pensate di sapere tutto sulla serie tv Dawson's Creek? Come ad esempio che il finale non doveva essere quello e che per la parte di Dawson aveva fatto il provino anche qualcun altro del cast? Scopri 23 curiosità su una delle serie che abbiamo amato di più!
Fonte: Columbia Tristar
Fonte: Columbia Tristar

Se siete nati a fine anni ’80 probabilmente da adolescenti eravate anche ossessionati dalla serie tv Dawson’s Creek! Ma siete sicuri di sapere proprio tutto a riguardo?

Considerato un telefilm cult degli anni ’90, in realtà la serie che ha debuttato nel 1998 sulla WB in America, da noi non è arrivata prima del gennaio 2000 su Italia1 (era già stata trasmessa su Tele+ ma il successo è arrivato con la tv in chiaro), canale sul quale sono andate in onda tutte e sei le stagioni fino a quella finale nel 2003. Il teen-drama creato da Kevin Williamson era ambientato in una piccola cittadina di mare nel North Carolina e seguiva la vita quotidiana, costellata di drammi e amori, di Dawson (James Van Der Beek), Joey (Katie Holmes), Pacey (Joshua Jackson) e Jen (Michelle Williams). In questi 23 punti vi sveleremo le curiosità più affascinanti e i retroscena di una delle serie Tv che più ci è rimasta nel cuore!

1. Troppo “spinto”

Fonte: Columbia TriStar Television
Fonte: Columbia TriStar Television

Forse non ve ne rendevate conto, ma per quegli anni Dawson’s Creek era stato etichettato come uno show un po’ “spinto, vivace e piccante”. Aveva fatto molto discutere perché, anche se destinato ad un pubblico molto giovane, si parlava spesso di sesso e affrontava temi che in Tv erano tabù. Ad esempio al network non piaceva che uno studente come Pacey, quindi minorenne, avesse una relazione con una professoressa e furono molto contenti quando la storia terminò e ovviamente non erano contenti che il personaggio di Jack fosse gay. Questo fece anche perdere allo show uno degli sponsor, la Procter & Gamble, che non voleva essere associato ad un prodotto che poteva attirare così tante polemiche su di sé.

2. I capelli di Dawson

Fonte: Web
Fonte: Web

Lo abbiamo preso in giro tutti: i suoi capelli erano sempre gonfi, strani e con la frangetta a mezza luna. Eppure forse non sapete che per il taglio di capelli di James Van Der Beek i creatori avevano preso ad esempio Brad Pitt nel film L’Ombra del Diavolo: decisamente un effetto diverso su i due attori!

3.Team Dawson o Team Pacey?

Fonte: Web
Fonte: Web

Alla fine della seconda stagione, il creatore Williamson lasciò la serie (per poi tornare per la quinta e sesta stagione) e questo creò diversi problemi, tanto che in mano a nuovi sceneggiatori la storia ne risentì molto e Dawson’s Creek rischiò di essere cancellato. Per salvare la situazione venne deciso di introdurre Pacey a dividere Dawson e Joey e dalla terza stagione prese via il triangolo amoroso che divenne poi essenziale al successo della serie. Williamson poi confessò che le basi c’erano dalle prime puntate vista la grande chimica tra i due attori.

4.Dawson come Williamson

Fonte: Web
Fonte: Web

Divenne chiaro da subito che la personalità del personaggio di Dawson era basata su quella del creatore Kevin Williamson: inguaribile romantico, amava i film dell’orrore, venerava Spielberg, voleva diventare regista e anche lui aveva un’amica che viveva sul fiume. Addirittura quando ci fu da scegliere l’attore per interpretare Dawson pare che Williamson abbia urlato esasperato davanti a Van Der Beek “Ho scritto io Dawson! Io sono Dawson! E quello davanti a me è il mio Dawson!”.

5. La parola proibita

Fonte: Web
Fonte: Web

Nel copione originale del primo episodio della serie, Joey chiedeva a Dawson molto candidamente “Quante spesso ti masturbi?” ma Kevin Williamson ha spiegato che hanno dovuto cambiare la battuta perché non erano autorizzati ad usare la parola “masturbazione” in televisione. Questo non li ha ovviamente fermati e nella versione che è poi arrivata sui nostri schermi Joey infine chiede “Quanto spesso porti a spasso il tuo cane?”. Problema risolto, no?

6. Un lato di Joshua Jackson che tutti conoscono

Fonte: US Magazine 1998
Fonte: US Magazine 1998

Come il suo personaggio Pacey Witter anche Joshua Jackson era un grande burlone e pare che prima di ogni scena, per allentare la tensione con una bella risata, fosse solito mostrare il lato B sia al cast che alla crew. Katie Holmes ha confermato che dopo un po’ qualcuno si scandalizzava ancora, altri ormai si erano abituati alla “vista” e i nuovi registi che a turno arrivavano sul set rimanevano interdetti!

7. Un primo bacio storico

Fonte: Web
Fonte: Web

Era il 24 maggio 2000 e con Dawson’s Creek andava in onda il primo bacio gay in prima serata della storia della televisione americana tra Jack e il suo ragazzo Ethan. L’episodio si intitolava “True Love” ed era il finale della terza stagione e Kerr Smith, che interpretava Jack si rese subito conto dell’importanza di quel bacio.

Sia io che Adam Kaufaman che interpretava Ethan ci rendemmo subito conto che stavamo per fare una cosa che sarebbe passata alla storia. Non mi dimenticherò mai il giorno in cui girammo quella scena ed ero molto nervoso… Perché sapevamo quello che stavamo facendo. Sapevamo a cosa stavamo andando incontro ma sapevamo anche quanto fosse importante per tantissime persone che avrebbero iniziato a guardare la serie anche solo per quella parte di trama. Penso che abbiamo fatto una buona cosa.

8. Provino di successo con mamma

Fonte: Tristar
Fonte: Columbia Tristar

Mentre i creatori avevano già in mente Selma Blair per il ruolo di Joey decisero di fare lo stesso dei provini per testare altre attrici. Katie Holmes era tra di esse e, anche se ancora studentessa liceale, aveva già un film di Ang Lee alle spalle. Impegnata nella recita scolastica, la Holmes si rifiutò di andare a Los Angeles ma mandò una video-cassetta con il proprio provino: nella stanza del cucito lei leggeva le sue battute mentre la mamma interpretava Dawson… Un successone!

9. Una morte… Cercata!

Fonte: Web
Fonte: Web

Vi ricordate il modo in cui muore il padre di Dawson? Quella puntata devastante è passata alla storia come una delle morti più ridicole mai concepite in tv: Mitch perde la vita in un incidente d’auto perché si distrae dalla guida per raccogliere il gelato caduto sul tappetino della macchina. Con il senno di poi, forse i creatori hanno voluto fare un dispetto all’attore John Wesley Shipp che lo interpretava perché aveva iniziato a chiedere un aumento di stipendio. In realtà Shipp era molto deluso dall’andamento della serie e del ruolo marginale che stavano assumendo i genitori dei ragazzi e non voleva farne più parte se doveva solo rimanere sullo sfondo in qualche puntata. Decise quindi di rinegoziare il contratto che venne negato dal produttore esecutivo Paul Stupin: come ultima richiesta gli chiese però di tornare per un’ultima puntata ovvero quella della sua morte.

10. Approvato da Spielberg

Fonte: Web
Fonte: Web

Sin dal primo episodio, Dawson, ci introduce alla sua grande passione per Steven Spielberg che si può anche intuire dai poster che tappezzano la sua stanza, appesi da Williamson in persona che condivideva con il suo protagonista il mito del creatore e regista. Inizialmente però Williamson non possedeva i diritti per esporre quelle immagini e così dovette scrivere una lettera personalmente a Spielberg. Il regista di Jurassic Park e Il Colore Viola tra gli altri, guardò personalmente il pilot della serie e decise di approvare la cosa chiedendo solo di eliminare la battuta in cui Dawson paragona Jen a Kate Capshaw, protagonista di Indiana Jones e moglie del regista.

11. Alla ricerca di Dawson

Fonte: Columbia Tristar
Fonte: Columbia Tristar

Non deve essere stato facile scegliere qualcuno per il ruolo di Dawson, il personaggio principale che da anche il titolo alla serie. Pare che siano stati fatti oltre 500 provini per questa parte e James Van Der Beek sia stato confermato solo due giorni prima dell’inizio delle riprese! Anche Adrian Grenier, futura star di Entourage ci aveva provato, ma Kevin Williamson era talmente convinto del talento di Van Der Beek che gli fece ripetere il copione più volte fino a che riuscì a convincere il network a dargli la parte!

12. Joshua Jackson poteva essere Dawson?

Fonte: Columbia Tristar
Fonte: Columbia Tristar

Tra i 500 aspiranti Dawson c’era anche Joshua Jackson: in realtà lui era andato per leggere la parte di Pacey ma i produttori vollero sentirlo recitare anche la parte di Dawson. Infine cambiarono idea e gli offrirono la parte per cui è conosciuto ancora oggi, ma una cosa è certa, i produttori non volevano farsi sfuggire un talento del genere e nel bene o nel male lo avremmo visto nella serie!

13. Non proprio adolescente…

Fonte: Web
Fonte: Web

Meredith Monroe era la più grande di tutto il cast. Pensate che aveva 29 anni quando venne scelta per interpretare la sedicenne Andie, la nuova ragazza di Capeside! Grazie ai suoi ottimi geni non sfigurava accanto alle colleghe: ben nove anni di differenza con Katie Holmes e dieci con Michelle Williams!

14. Williamson sapeva il segreto di Jack

Fonte: Web
Fonte: Web

Non siamo stati solo noi spettatori a scoprire con il tempo che il personaggio di Jack era gay, ma anche gli scrittori della serie! Solo Williamson conosceva sin dall’inizio la vera natura di Jack, personaggio introdotto nella seconda stagione insieme alla sorella Andie, e pensò bene di tenerselo per sé. Sognava da tempo di poter scrivere un personaggio così ma pensò che se lo show avesse avuto un personaggio gay, questo doveva piacere molto al pubblico. Fece diventare Jack molto popolare e a metà stagione decise di fargli fare coming out, creando così in effetti uno dei personaggi più amati della serie.

15. Interpretazione da meme

Fonte: Web/ @yayhooray on ETSY
Fonte: Web/ @yayhooray on ETSY

Avete presente il famoso meme di Dawson che piange? James Van Der Beek non se l’è mai presa e ha anzi confessato che quelle lacrime non erano nemmeno nel copione: era nella parte da tanto tempo e la scena era talmente drammatica che lo portò alle lacrime!

16. Jen non doveva morire

Fonte: Columbia Tristar
Fonte: Columbia Tristar

O almeno questo era quello che avrebbe voluto l’attrice Michelle Williams. A detta del creatore l’attrice era molto nervosa e scettica a riguardo, in particolare al pensiero di una possibile reunion futura: il creatore le disse che in tal caso sarebbe tornata come fantasma ma che la sua morte era una decisione necessaria per spingere tutti i personaggi nell’età adulta. Probabilmente nel 2003 la Williams non sapeva che da lì a poco avrebbe fatto il grande salto dal piccolo al grande schermo!

17. Niente finale per Andie

Fonte: Web
Fonte: Web

Nell’episodio finale doveva comparire anche il personaggio di Andie, poiché secondo la sceneggiatrice Julie Plec, era giusto che anche la sua storia avesse una conclusione. Meredith Monroe girò anche una scena nella quale Andie incontra il suo ex Pacey nella caffetteria dell’ospedale dove è ricoverata Jen e dove lei sta facendo la specializzazione, ma purtroppo non è mai stata mandata in onda. Si può trovare però nei contenuti extra dei DVD.

18. Giovani talenti

Fonte: Web
Fonte: Web

Se doveste riguardare oggi la serie probabilmente riconoscereste tanti volti noti di oggi che a quel tempo stavano ancora facendo gavetta. C’era Seth Rogen nei panni di uno studente fattone del college, Chad Michael Murray nel ruolo di Charlie Todd per ben 12 episodi, Jane Lynch nel ruolo della mamma di Pacey, Scott Foley che interpretava l’odioso quarterback della scuola (solo nella prima stagione perché nello stesso anno ottenne il ruolo di protagonista in Felicity) ma anche Jensen Ackles, Ali Larter, Julie Bowen, Bianca Lawson, Ian Bohen, Rachel Leigh Cook e tanti altri.

19. Riferimenti al passato

Fonte: Web
Fonte: Web

Kevin Williamson prima di dedicarsi alla Tv aveva scritto anche le sceneggiature di tutta la serie “Scream” e del film del 1997 “So cosa hai fatto” e Dawson’s Creek è pieno di riferimenti più o meno espliciti ad essi. In un episodio Dawson e Joey guardano la cassetta di “So cosa hai fatto” e la camera del ragazzo è piena di poster e oggetti di scena, come l’iconica maschera di Gosthface di Scream.

20. Sigla diversa

Fonte: Web
Fonte: Web

Avete mai fatto caso che nella prima stagione non c’è la famosa sigla “I don’t Want To Wait” di Paula Cole? Sui titoli di testa suona infatti “Run Like Mad” di Jann Arden che però non convinceva abbastanza: in realtà, prima di scegliere Paula Cole, i produttori volevano usare “Hands in My Pocket” di Alanis Morisette ma la casa discografica non lasciò i diritti e il brano fu quindi solo usato in una scena dell’episodio pilota. Alanis Morissette sarebbe stata una bella scelta ma non riusciamo proprio ad immaginare Dawson’s Creek senza la sua “I Don’t Want To Wait”!

21. La vera protagonista

Fonte: Columbia Tristar
Fonte: Columbia Tristar

Al contrario di cosa ci dice il titolo, l’unico personaggio ad essere presente in tutti e 128 episodi non è stato Dawson bensì Joey Potter!

22.Un nuovo molo

Fonte: Web
Fonte: Web

Uno dei più grandi rischi del girare una serie in esterna, in particolare su una costa, è quello di essere in balia delle condizioni atmosferiche. Un anno un uragano fu talmente devastante che distrusse anche il molo di fronte alla casa di Dawson, diventato ormai talmente iconico e amato, che venne prontamente ricostruito!

23. Soddisfatti del finale?

Fonte: Web
Fonte: Web

Williamson ha confessato che inizialmente Dawson’s Creek non doveva finire così. Per prima cosa il primo finale era in realtà la penultima puntata, ma i produttori volevano un finale più grandioso e così venne deciso di creare un ennesimo episodio, questa volta un salto temporale di 5 anni. Mentre era abbastanza chiaro a tutti che erano Joey e Dawson a dover finire insieme nel finale, Williamson cambiò idea all’ultimo:

Dawson era ovviamente la risposta più ovvia e mi misi a scrivere il copione… Ma poco dopo la prima ora di scrittura capii che lo show non era stato pensato così. Forse quella era la risposta ovvia per come era iniziato, ma non per come si era evoluto. Volevo che fosse qualcosa di diverso rispetto alle solite serie tv del genere teen e allo stesso tempo volevo che fosse sorprendente, onesto e reale. Per questo abbiamo preso questa decisione: in quel momento erano una grande famiglia e tutti avevano ottenuto quello che volevano. È stato un finale molto soddisfacente e ne siamo stati tutti molto felici.

E voi siete contente del finale?