Cos'è Earendel, l'incredibile nuova scoperta del telescopio Hubble

La Nasa ha fatto sapere che nello spazio è stata individuata una luce provenire dal passato, da ben 12.9 miliardi di anni luce dal nostro pianeta. Si tratta della stella più lontana mai vista, esistita nel primo miliardo di anni dopo il Big Bang.

Il telescopio spaziale Hubble ha individuato nello spazio una luce che proviene dal passato, lontana ben 12.9 miliardi di anni luce dal nostro pianeta. Si tratta della radiazione di Earendel, la stella più lontana mai vista, esistita nel primo miliardo di anni dopo il Big Bang.

Stephen Hawking, 7 cose che l'astrofisico ci ha svelato sull'universo e sul nostro futuro

Una scoperta incredibile se si pensa che il precedente record risale al 2018 con la stella Icarus, datata a quando l’Universo aveva circa quattro miliardi di anni e la luce impiega nove miliardi di anni a raggiungere la Terra. Con Earendel, quindi, la scienza potrà andare ancora più indietro nel tempo, quando ancora lo spazio era in formazione.

L’Universo a cui appartiene la nuova e brillante stella aveva solo il 7% dell’età attuale e non il 30% come nel record del 2018 di Icarus. La scintillante scoperta è stata annunciata il 30 marzo 2022 dalla Nasa e a scegliere il nome è stato Brian Welch della Johns Hopkins University di Baltimora.

Earendel significa stella del mattino nella lingua antica anglosassone, un nome che gli appassionati de  Il Signore degli Anelli conosceranno bene. Se si trattasse di una singola stella, gli astronomi stimano che possa essere grande circa 50 volte la massa del nostro sole, ma potrebbe anche essere un sistema di due o più stelle.

Studiarla permetterà di aprire “una finestra su un’era dell’Universo che non conosciamo, ma che ha portato a tutto ciò che sappiamo. È come se avessimo letto un libro davvero interessante, ma avessimo iniziato con il secondo capitolo e ora avremo la possibilità di vedere come è iniziato tutto”, ha spiegato Brian Welch su Nature.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!