logo
Stai leggendo: Demi Lovato ricoverata per sospetta overdose: “È sveglia”

Demi Lovato ricoverata per sospetta overdose: "È sveglia"

Il Daily Mail, giorni fa, aveva riportato la notizia che la giovane artista, da poco ricoverata in un clinica per la riabilitazione dalle dipendenze, era stata vista uscire ubriaca da un locale di Hollywood.
demi lovato

Demi Lovato sta meglio: si sta riprendendo ed è sveglia, come fa sapere un rappresentante della cantante e attrice americana che è stata ricoverata ieri per una sospetta overdose. “Demi è sveglia, ha accanto la sua famiglia che vuole ringraziare tutti per l’amore, le preghiere e il sostegno” si legge in una nota che è stata diffusa ieri sera.

“Alcune delle informazioni riportate non sono corrette. Chiedono rispettosamente privacy e di evitare speculazioni, poiché la sua salute e il suo recupero sono la cosa più importante in questo momento”, conclude la nota che, però, non precisa il perché del ricovero.

A parlare di sospetta overdose è il sito statunitense TMZ che cita il Dipartimento della Polizia di Los Angeles il quale avrebbe risposto a una chiamata di emergenza partita proprio dall’abitazione della cantante che risiede sulle colline di Hollywood. Così la Lovato è stata trasportata d’urgenza in ospedale a Los Angeles.

Come scrive l’agenzia di stampa Ansa.it, la giovane già da un po’ di tempo avrebbe dato segni di instabilità. E persino il Daily Mail, giorni fa, aveva riportato la notizia che la giovane artista, da poco ricoverata in un clinica per la riabilitazione dalle dipendenze, era stata vista uscire ubriaca da un locale di Hollywood.

Durante la tournée aveva persino licenziato il suo manager Phil McIntyre che avrebbe cercato in tutti i modi di tenerla lontana da guai. Questa la sua “colpa”. Il mese scorso, tra l’altro, ha pubblicato il singolo “Sober” nel quale si scusava per aver rotto il suo voto di sobrietà dopo sei anni.

Infine è doveroso ricordare che non è la prima volta che la Lovato combatte la sua dipendenza da droghe e alcol. Nel 2011 aveva parlato della sua “battaglia” nella rivista “Seventeen” mentre nel 2012 era stata ricoverata dopo aver tentato il suicidio con delle pillole.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...