Durante un’intervista a GQ Style British, tenuta insieme al compagno Machine Gun Kelly, Megan Fox ha dichiarato di soffrire di bassa autostima e di dismorfismo corporeo.

Chi soffre di questo disturbo, anche noto come dismorfofobia, prova un senso costante di insoddisfazione del proprio corpo e tende a sviluppare una preoccupazione cronica per qualunque difetto estetico.

“Mi capita di guardare qualcuno e pensare: ‘Quella persona è così bella. La sua vita deve essere così facile. Molto probabilmente però quella persona non si sente così con se stessa’», ha dichiarato l’attrice statunitense – “Soffro di dismorfofobia corporea. Ho molte profonde insicurezze”.

La dismorfofobia è un disturbo sempre più diffuso in una società come la nostra sempre più incentrata sull’immagine. I sintomi possono svilupparsi con gradualità o all’improvviso e, senza un’adeguata terapia, possono peggiorare velocemente. Le preoccupazioni riguardano in prevalenza il viso, ma possono coinvolgere più parti del corpo e variare in base alla persona.

Confidence gap, come l'autostima delle femmine viene limitata sin da piccole

Sono comuni, per esempio, preoccupazioni riguardanti il diradamento dei capelli, la comparsa dell’acne, rughe o cicatrici più o meno evidenti. Anche il colore della pelle può generare un senso di vergogna e malessere. Oggetto di preoccupazione possono anche essere la forma o le dimensioni di varie parti del corpo, dal naso al seno. Il soggetto può reputarsi poco attraente e, a volte, perfino mostruoso e ripugnante.

Si tratta di un disturbo che colpisce sia gli uomini che le donne: alcuni uomini, infatti, seppur di fisico normale hanno il terrore di apparire gracili. In questo caso, si parla di una condizione chiamata dismorfia muscolare. Molti di questi soggetti credono di essere sempre presi di punta dagli altri a causa del loro aspetto. La maggior parte di loro si esamina accuratamente allo specchio, mentre alcuni evitano proprio di guardarsi, terrorizzati da ciò che potrebbero vedere.

I soggetti con dismorfofobia possono nascondere il loro problema anche per anni, ed è invece importante, se ci si accorge di soffrire di questo tipo di disturbo, farsi aiutare quanto prima con le terapie adeguate.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!