diredonna network
logo
Stai leggendo: Dwayne Johnson choc: “Ero depresso, piangevo sempre”

Dwayne Johnson choc: "Ero depresso, piangevo sempre"

A fargli più male è stato il tentato suicidio della madre che fu lui stesso a sventare trascinandola per le spalle verso il margine della strada.
Dwayne Johnson

Tutti credevano fosse un uomo imbattibile, che la sua vita fosse tutta rose e fiori. E, invece, come spesso accade, anche gli attori, anche uno di quelli più pagati degli Stati Uniti, ha passato un momento difficile, in cui ha visto crollarsi il mondo addosso. Stiamo parlando di Dwayne Johnson, meglio conosciuto come “The Rock”. Ex wrestler con un fisico imponente, conosciuto per le sue interpretazioni nei film d’animazione, ha deciso di mettersi a nudo in un’intervista all’Express in cui ha raccontato aspetti inediti della sua vita priva. Queste le sue parole:

Ero arrivato al punto in cui non volevo fare più nulla o andare da nessuna parte. Piangevo costantemente.

Oggi ha 45 anni e non ha avuto un’infanzia facile. A 15 anni, ad esempio, sua madre provò a suicidarsi davanti a lui: una circostanza non facile da accettare, soprattutto a quell’età. Poi lo sfratto dalla casa in cui viveva con la sua famiglia da anni. Ma a fargli più male è stato il tentato suicidio della madre che fu lui stesso a sventare trascinandola per le spalle verso il margine della strada:

Uscì fuori dall’auto, in un’autostrada, a Nashville, e iniziò a camminare incontro al traffico […] La cosa incredibile di quel tentato suicidio, è che lei non ha ricordi di quel giorno.

Il periodo più brutto della sua vita fu quando capii di non poter diventare un giocatore di football professionista a causa dei numerosi infortuni; sempre nello stesso periodo la fidanzata lo aveva lasciato:

È stato in assoluto il mio periodo peggiore […] Dobbiamo sempre fare del nostro meglio per prestare attenzione e capire quando altre persone stanno soffrendo. Dobbiamo aiutarle e ricordare loro che non sono sole.

E rispondendo a un fan che gli diceva di essere depresso, ha concluso:

Ti capisco. Ho combattuto contro quella bestia più di una volta.