logo
Stai leggendo: Ecco Come la Disney “Manipola” le Emozioni degli Attori

Ecco Come la Disney "Manipola" le Emozioni degli Attori

Guardando un film ci chiediamo spesso come facciano gli attori a esprimere in modo così credibile emozioni diversissime pur senza vivere realmente la situazione che dovrebbe evocarle. La risposta potrebbe essere FaceDirector, il software messo a punto da Disney per "manipolare" le emozioni degli attori: ecco come funziona!
disney manipola espressioni attori
Fonte: engadget.com

I laboratori di ricerca Disney hanno a disposizione da qualche tempo un nuovo – e quanto pare piuttosto potente – strumento: FaceDirector, un software in grado di unire frame separati in uno solo al fine di creare la “scena perfetta”. Il software lavora analizzando tanto l’espressione dell’attore in scena quanto l’audio delle battute per identificare quale frame debba essere unito a un altro. In questo modo, i registi possono dar vita a scene completamente nuove in fase di post produzione senza alcun intervento degli attori. E non c’è nemmeno bisogno di hardware altamente tecnologici come per esempio videocamere in 3D, visto che il software funziona persino con filmati ripresi da normalissime videocamere in 2D.

Stando al vice presidente di Disney Research Markus Gross, il nuovo strumento potrebbe essere utilizzato per ridurre i costi di produzione dei film o per riuscire a rispettare i limiti di budget, specie nel caso di produzioni indipendenti che non dispongono di grandi risorse.

Non è una novità – ha dichiarato – che un regista giri e rigiri una scena cruciale dozzine di volte, addirittura più di cento, prima di esserne completamente soddisfatto. Si tratta di un’attività che non solo richiede un sacco di tempo, ma è anche molto costosa. Ora il nostro team di ricerca ha dimostrato che un regista può esercitare il suo controllo sulla performance di un attore anche dopo le riprese e in pochissime mosse, risparmiando in un sol colpo tempo e soldi.

Il laboratorio di ricerca ha inoltre messo a punto un sistema di doppiaggio più credibile rispetto a quelli standard e con un’altissima qualità: non stupirebbe dunque se i registi in un futuro nemmeno troppo lontano fossero dotati di un arsenale di strumenti studiati dai laboratori di ricerca Disney. Ma siccome non è semplice immaginare come possa funzionare un software come FaceDirector senza vedere almeno un esempio, ecco un video – pubblicato sul canale ufficiale DisneyResearchHub – che può aiutarci a capire meglio le potenzialità del sistema.

Per spiegarlo in breve, in pratica vengono girate due scene sostanzialmente identiche nei contenuti, ma differenti in termini di espressione facciale e di movenze dell’attore e dal punto di vista del tono della voce nella battuta. In post produzione sarà il regista, analizzando i frame con l’ausilio del software, a decidere quale sia l’emozione che dovrà prevalere nella scena che finirà sul grande schermo delle sale di tutto il mondo. Peraltro la qualità di FaceDirector consente miscelare i frame in modo del tutto naturale, tanto che nemmeno lo spettatore più attento si accorgerebbe di nulla.

Nel paper redatto proprio dai laboratori di ricerca Disney, gli esperti si dimostrano soddisfatti dei risultati ottenuti e sono certi che software come questi porteranno a una crescita importante dell’industria cinematrografica.

Cosa ne dite di questo software? E sempre per rimanere in tema, noi nel frattempo ci siamo divertite ad immaginare quali star sarebbero perfette per interpretare al cinema le tanto amate principesse Disney!