In occasione della Fase 2 dell’emergenza coronavirus, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sta studiando un piano per riaprire a giugno le scuole materne, gli asili nido ed i campi estivi per i bambini dai 3 ai 6 anni. Per la ripresa totale bisognerà attendere settembre.

A spiegarlo è stato il premier durante il suo discorso in Parlamento nel corso dell’informativa parlamentare di ieri giovedì 30 aprile. Queste le sue parole:

“Occorrerà valutare la possibile riapertura, in modalità sperimentale, di nidi e scuole dell’infanzia, oltre ai centri estivi ed altre attività ludiche ed educative destinate ai nostri bambini”.

Al momento questa è solo una proposta, sarà il comitato tecnico scientifico a valutare la praticabilità del piano designato dal Ministero della Famiglia in collaborazione con quello dell’Istruzione ma a dare l’ultima parola sarà la task force Colao.

Cosa prevede il piano del Governo

Il piano studiato dal Governo è ancora da definire ma come riporta Il Corriere della Sera, si potrà ricominciare dal mese di giugno e proseguire anche a luglio. Gli asili nido e le scuole materne potranno essere usate per attività con bambini fino a 6 anni, i gruppi saranno ridotti al minimo in modo da avere più spazio a disposizione e, se ce ne sarà bisogno, si useranno gli spazi aperti delle scuole.

Coronavirus e scuole, la ministra Azzolina esclude il rientro a maggio

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha spiegato che saranno messi a disposizione i cortili e le palestre delle scuole. Le entrate saranno divise in turni, saranno scaglionate ed i genitori dovranno rimanere all’esterno delle strutture. Chiunque si avvicinerà dovrà disinfettarsi e sottoposti al controllo della temperatura.

I gruppi saranno formati da pochi bambini che verranno affidati ad un educatore, su questo si chiederà il parere del comitato tecnico scientifico ma quel che è certo, è che i gruppi saranno composti da tre ad un massimo di sei bambini a seconda dell’età.

I più piccoli, a differenza degli educatori, non saranno obbligati ad utilizzare le mascherine. Sarà vietato portare giocattoli da casa e si cercherà di trascorrere più tempo possibile all’aperto.

Articolo originale pubblicato il 1 Maggio 2020

La discussione continua nel gruppo privato!