Fase 2, spostamenti tra Regioni: chi potrà farlo e come - Roba da Donne

Fase 2, spostamenti tra Regioni: chi potrà farlo e come

Fase 2 dell'emergenza epidemiologica Covid-19, come si potranno spostare i cittadini? I trasferimenti da Regione a Regione sono concessi solo per motivi eccezionali, ecco cosa prevede il DPCM

Con l’inizio della Fase 2 sancito dal DPCM presentato ieri in conferenza stampa dal Premier Giuseppe Conte, sarà nuovamente consentito ai cittadini di muoversi liberamente all’interno della Regione di residenza. Restano invece vietati gli spostamenti da Regione a Regione, salvo per alcuni motivi, in via del del tutto eccezionale.

Il Governo ha infatti autorizzato gli spostamenti in altre regioni solamente per “comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute”.

Queste le disposizioni sugli spostamenti introdotte con il nuovo DPCM:

Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 sull’intero territorio nazionale si applicano le seguenti misure: sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute e si considerano necessari gli spostamenti per incontrare congiunti purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento e vengano utilizzate le mascherine; in ogni caso, è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; è in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico e privato, come anticipato ieri da Conte, a bordo dei mezzi sarà obbligatorio l’uso della mascherina e degli altri dispositivi di sicurezza personali. Il Governo ha inoltre chiesto alle aziende che si occupano dei trasporti di garantire più corse negli orari di punta.

Anche sui treni della Metropolitana e sugli autobus sarà obbligatorio il rispetto delle distanze di sicurezza. Per permettere ciò, nei prossimi giorni sui sedili verranno applicati degli appositi marker, ossia dei simboli che indicheranno quali posti potranno essere occupati dai passeggeri e quali no, in modo da non creare sovraffollamento.

La discussione continua nel gruppo privato!
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...