Gli eventi astronomici da non perdere nel 2021

Il 10 giugno arriva l'eclissi di Sole, che però sarà totalmente visibile solo da alcuni Paesi, mentre in Italia solo dalle regioni del Nord.

*** Aggiornamento del 9 giugno 2021 ***

Domani, 10 giugno, avremo un’eclissi anulare di Sole, che però potrà essere vista solo in alcune zone del mondo; a godere completamente dello spettacolo saranno, ad esempio, Russia, Canada e Groendlandia, mentre si potrà vedere da gran parte dell’Europa e solo parzialmente dal nostro Paese, in particolare dalle regioni del Nord.

L’eclissi avrà inizio alle 10:12 (ora italiana) per terminare alle 13:33: in quelle ore in Canada e Groenlandia qualche fortunato potrà vedere l’eclissi anulare totale, mentre per tutti gli altri sarà parziale. Per quanto riguarda gli italiani, in Valle d’Aosta si vedrà al 5%, mentre a Milano l’eclissi, che comincerà alle 11:35 per raggiungere il suo culmine alle 12:18, sarà al 3,5%. Da Firenze in giù, invece, non si potrà vedere.

In ogni caso, l’eclissi potrà essere vista online grazie al Virtual Telescope che la trasmetterà in diretta dal Canada, a partire dalle 11:30. Per osservare l’eclissi, come sempre, è importante usare sempre filtri certificati per l’osservazione diretta del Sole.

Sfogliate la gallery per conoscere gli altri eventi astronomici del 2021.

Gli eventi astronomici da non perdere nel 2021
Fonte: Pinterest @La Repubblica
Foto 1 di 12
Ingrandisci

Segue l’articolo originale relativo alla Superluna di maggio.

*** Articolo originale del 26 maggio 2021 ***

Stasera, 26 maggio, tutti con gli occhi al cielo, arriva la Superluna. Non è la prima del 2021, ma la seconda, ma sarà la più grande e la più luminosa: in questa occasione, infatti, il satellite arriva al 10-12% in più di grandezza , e al 16% in più di luminosità.

Questa Superluna, inoltre, porta con sé anche un’eclissi totale, che però non sarà visibile nel nostro Paese ma solo nei cieli di Australia, America e Asia Sudorientale; alle 13:41, a un mese esatto di distanza dall’ultima del 2021 – il 26 aprile – sarà ben visibile solo a sera.

Il termine Superluna è stato coniato dall’astrologo Richard Nolle nel 1970, ma va detto che il termine non è ben visto dalla comunità scientifica, che predilige il più ostico (per i profani) perigeo-syzygy. Il primo termine indica il momento cui la Luna si trova più vicina alla Terra, mentre il termine sygyzy si usa per indicare l’allineamento di tre corpi celesti appartenenti a un medesimo sistema gravitazionale.

Perché c'è chi pensa che l'uomo non sia stato sulla Luna (e l'altra bufala lunare)

L’eclissi, che come detto noi in Italia non vedremo, sarà trasmesso in streaming dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa) grazie all’Australian national science agency e al Csiro, direttamente dal sito della stazione di rilevamento dell’Agenzia a New Norcia, in Australia.

La Superluna di maggio è detta “dei fiori”, perché siamo proprio nel pieno della fioritura primaverile; è un nome non scientifico ma dato dai nativi americani, che è comunque rimasto.

Articolo originale pubblicato il 26 Maggio 2021