Cara Delevingne: "Pensavo di essere malata, pensavo che essere gay fosse una malattia”

Non è la prima volta che la modella e attrice Cara Delevingne parla delle difficoltà ad accettare il proprio orientamento sessuale. Ancora oggi ripensa a quando si credeva malata perché pansessuale.

Oggi la modella e attrice Cara Delevingne si dichiara apertamente e orgogliosamente pansessuale, ma c’è stato un periodo della sua vita, in gioventù, in cui a causa del proprio orientamento sessuale si considerava “malata”. Ha anche aggiunto di aver lottato a lungo, per questi motivi, contro la depressione.

Il viaggio è stato ovviamente lungo – ha dichiarato – ci combatto da quando ero bambina. Dipende anche da alcuni traumi e storie di dipendenza nella mia famiglia. Io non prendo antidepressivi, cerco il più possibile di usare gli strumenti che ho dentro di me e non pensare solo ‘Sono fottutamente malata’.

Onestamente, per tutta la mia vita ho pensato che essere gay fosse una malattia mentale. Pensavo di essere malata, pensavo che ci fosse qualcosa di sbagliato in me, essendo queer.

La ventottenne, che recentemente ha preso anche parte come guest star alla reunion di Friends, ha anche aggiunto che ritiene giusto parlare pubblicamente di tutto, anche della depressione.

Va bene affrontarlo, lo fanno tutti prima o poi. Poter parlarne mi ha dato gli strumenti per trovare persone con cui parlarne.

Cara ha chiuso una relazione di due anni con l’attrice Ashley Benson, ma è finita al cento del gossip anche per un bacio con Jaden Smith, figlio di Will, che però è sembrato più che altro il segno di un profondo legame di amicizia. Anche il ragazzo, peraltro, è un esponente della comunità LGBTQ+, essendosi dichiarato gender fluid.

L'assoluta libertà di Jaden, figlio di Will Smith, cresciuto "senza genere"

Non è la prima volta che Cara affronta il tema delle difficoltà avute ad accettare il proprio orientamento sessuale; nel marzo del 2021, nel corso di un episodio del podcast Goop con Gwyneth Paltrow, ha dichiarato:

Ho pensato al suicidio. Mi ci è voluto un po’ di tempo per capire cosa significasse essere gay. Non conoscevo nessuno che fosse gay. All’epoca anche se non me ne rendevo conto ero omofoba. L’idea di avere una partner del mio stesso sesso mi disgustava.

Sfogliate la gallery per scoprire altro su Cara.

Cara Delevingne: "Pensavo di essere malata, pensavo che essere gay fosse una malattia”
Fonte: instagram @caradelevingne
Foto 1 di 7
Ingrandisci