La verità sulla morte di Adam Toledo, ucciso dalla polizia a 13 anni

La verità sulla morte di Adam Toledo, ucciso dalla polizia a 13 anni
Fonte: Facebook @Justice For Adam Toledo Killed By Chicago Police
Foto 1 di 3
Ingrandisci

Il 2020 è stato segnato, oltre che dalla pandemia di Covid, anche dal grande movimento del Black Lives Matter, che ha condotto a numerose proteste in tutti gli Stati Uniti, con ripercussioni importanti anche nel resto del mondo, in seguito alla morte di George Floyd, ucciso dalla polizia a Minneapolis.

Oggi gli agenti americani tornano di nuovo nell’occhio del ciclone per la morte di Adam Toledo, ammazzato a colpi di pistola il 29 marzo, che di anni ne aveva solo 13.

Se le vite delle persone nere contano, perché continuano a essere massacrate?

Adam, che appartiene alla comunità ispanica di Chicago, era sparito da casa da alcuni giorni, ma solo nelle scorse ore il distretto di polizia cittadino ha comunicato che il ragazzino sarebbe stato ucciso nel corso di uno scontro a fuoco. Gli investigatori della Copa (Civilian Office of Police Accountability) di Chicago hanno inoltre fatto sapere che nei prossimi giorni sarà diffuso il video della sparatoria in cui Adam avrebbe perso la vita.

Nell’attesa il poliziotto. che ha sparato al ragazzo è stato sospeso dal servizio, mentre Elizabeth Toledo, madre di Adam, chiede che la verità venga a galla, qualunque essa sia, e nel frattempo ha aperto una raccolta fondi in memoria del figlio su Go Found Me.

Non è la prima volta, purtroppo, che la polizia americana uccide un minorenne: nel 2012 l’uccisione del diciassettenne Trayvor Martin da parte del vigilante George Zimmermann ha dato il via proprio alla nascita del movimento BLM, mentre nel 2014 sono stati uccisi Laquan McDonald, che come Trayvor aveva 17 anni, e Tamir Rice, che di anni ne aveva appena 12.

Sfogliate la gallery in cui seguiremo passo passo gli sviluppi di questa vicenda.