Un’enorme vagina di 30 mq: “Diva”, l’opera di Juliana Notari fa discutere

Un’enorme vagina di 30 mq: “Diva”, l’opera di Juliana Notari fa discutere
Fonte: instagram @juliana_notari
Foto 1 di 6
Ingrandisci

Che cosa pensereste se un giorno vi svegliaste e, in lontananza, su una collina, vedeste un’enorme vagina rossa che si stende lungo i pendii?

Per lanciare un segnale forte contro la società fallocentrica e maschiocentrica la scultrice brasiliana Juliana Notari ha deciso di realizzare Diva, un’enorme installazione adagiata nelle campagne della regione del Pernambuco, nel nordest del Brasile.

Potrebbe sembrare anche una sorta di fiore che si apre nel verde, ma a smentire ogni altra possibile interpretazione è Juliana stessa che, nel post Instagram in cui presenta la sua ultima opera, spiega che essa vuol rappresentare un uso dell’arte fatto per

dialogare di questioni che fanno riferimento alla problematizzazione del genere da una prospettiva femminile combinata con una cosmovisione che mette in discussione il rapporto tra natura e cultura nella nostra società occidentale fallocentrica e antropocentrica. Oggi queste domande sono diventate sempre più urgenti. Dopotutto, sarà attraverso il cambiamento di prospettiva del nostro rapporto tra gli esseri umani e tra umani e non umani che potremo vivere più a lungo su questo pianeta e in una società meno disuguale e catastrofica.

Mary Wollstonecraft, ridotta a statua con i peli pubici in mostra o onorata?

È, in sostanza, un’installazione che grida alla parità di genere, nel modo più provocatorio possibile. Ovviamente la sua visione, e la pubblicazione sui social, hanno diviso il dibattito, tra chi la giudica eccessiva e chi, invece, ha capito pienamente l’intento della scultrice e approva l’idea di ribellarsi pacificamente all’egemonia maschile e maschilista in questo modo.

Sfogliate la gallery per vedere alcune immagini di Diva e farvi una vostra idea.