Gli effetti ambientali del Coronavirus: scimmie, anatre e lepri ripopolano le città - Roba da Donne

Gli effetti ambientali del Coronavirus: scimmie, anatre e lepri ripopolano le città

Gli effetti ambientali del Coronavirus: scimmie, anatre e lepri ripopolano le città

Fonte: Facebook @Venezia pulita

Foto 1 di 13
Ingrandisci

Il Coronavirus ha cambiato e sta cambiando le nostre vite, ma non solo. L’impatto sull’ambiente sembra essere quello più inaspettato. Il blocco del traffico e la riduzione considerevole degli spostamenti stanno avendo una ripercussione visibile sul clima e sulla qualità dell’aria che ci circonda.

In Cina si è evidenziato un enorme declino dei livelli di inquinamento tra gennaio e febbraio, come testimoniano alcune immagini satellitari rilasciate dalla NASA e dall’Agenzia spaziale europea. Tanto che il Ministro dell’ambiente Sergio Costa ha dichiarato:

Quelle foto della Nasa sulla Cina sono la dimostrazione che si può ridurre l’inquinamento. Non dovevamo aspettare il Coronavirus per saperlo, ma in questo senso cogliamo quella foto come elemento che ci fa capire che si può fare e le risorse ci sono.

Le emissioni di biossido di azoto, rilasciate normalmente da veicoli, impianti industriali e centrali elettriche, si sono ridotte drasticamente. Il centro di ricerca CREA ha stimato una riduzione di oltre 100 milioni di tonnellate di anidride carbonica.

La situazione non sembra essere diversa qui nel nostro Paese. Nel gruppo Facebook “Venezia Pulita”, sono apparse una serie di fotografie che evidenziano come l’acqua dei canali di Venezia sia tornata limpida, tanto da far scorgere il fondale e i pesciolini, mentre in Pianura Padana si registra una netta diminuzione dell’inquinamento a seguito dell’introduzione delle misure restrittive adottate dal Governo. Per non parlare di Roma, dove le anatre nuotano tranquillamente nella Fontana di Trevi o della Barcaccia, nelle strade del centro città prive di turisti.

Allo stesso tempo, è di questi giorni la pubblicazione di un report del WWF sulle pandemie, considerate come la conseguenza indiretta del nostro impatto sugli ecosistemi naturali. Il rapporto indica come spesso le zoonosi (ovvero, le malattie trasmesse dagli animali all’uomo) possono essere legate strettamente a comportamenti errati da parte dell’uomo, come il commercio illegale di specie selvatiche, proprio come è avvenuto al mercato ittico di Wuhan, epicentro dell’epidemia in Cina.

Scopriamo nella gallery quali sono stati tutti gli effetti ambientali in Italia e nel mondo a seguito dell’emergenza Coronavirus.

Articolo originale pubblicato il 18 Marzo 2020

Ti è stato utile?
Rating: 4.0/5. Su un totale di 6 voti.
Attendere prego...