logo
Galleria: Com’era La Femme Dodge, la macchina progettata da uomini per le donne

Com’era La Femme Dodge, la macchina progettata da uomini per le donne

Com'era La Femme Dodge, la macchina progettata da uomini per le donne
Foto 1 di 14
x

Gli anni ’50 hanno rappresentato un’epoca molto diversa da quella in cui viviamo. La Seconda Guerra Mondiale e il Dopoguerra avevano segnato profondamente la società, ampliando quelli che erano considerati i ruoli di genere: per la prima volta, le donne si affacciavano nel mondo del lavoro in maniera massiva, dopo aver avuto l’esperienza di prendere il posto degli uomini durante il conflitto.

I retaggi da combattere erano e sono duri a morire, per cui non ci devono stupire gli stereotipi che avrebbero accompagnato il nostro genere fino alla rivoluzione sessuale. Così negli anni ’50 non erano rare le pubblicità che esternavano un ruolo della donna da angelo del focolare, che amava il rosa ed era sempre impeccabile, con un trucco perfetto. Analogamente però iniziavano a circolare delle merci dedicate alle donne, come macchine per scrivere «più semplici da usare». E automobili, come la Dodge LaFemme.

La Dodge LaFemme era un’auto “modificata” per piacere alle donne, a partire dalla Dodge Custom Royal Lancer e fu lanciata sul mercato tra il 1955 e il 1956. Il sito Messinessychic la descrive come la vettura ideale per Penelope Pitstop oppure per le Pink Ladies di Grease. In effetti parliamo di una macchina completamente rosa: interni, esterni e accessori esclusivi. L’auto costava 143 dollari in più rispetto all’archetipo unisex e le campagne pubblicitarie miravano a descrivere un nuovo tipo di donna americana, indipendente quel tanto che basta per spostarsi da sola in città, con la sua vettura customizzata per mostrare che la guidasse una donna molto elegante.

3 pubblicità sessiste degli anni 50-60 rifatte dalla Budweiser

3 pubblicità sessiste degli anni 50-60 rifatte dalla Budweiser

La produzione fu interrotta molto presto, si stima che in realtà ne siano stati prodotti solo 2500 esemplari, di cui ancora 60 esistenti. Non sono disponibili i numeri precisi, questi numeri sono solo stime, dato che la Dodge LaFemme fu, a tutti gli effetti, un modello opzionale rispetto a uno standard. Le vendite però sicuramente non furono all’altezza delle aspettative e quindi la produzione si interruppe, come accade sempre in questi casi.

Ma c’è chi incolpa l’assenza di un buon battage pubblicitario degno dei giorni nostri. C’è chi sostiene infatti che furono proprio le campagne pubblicitarie a penalizzare il prodotto, presente in opuscoli a foglio unico nelle concessionarie, al posto di modelli dimostrativi patinati.

Sfogliamo insieme la gallery per scoprire la Dodge LaFemme.