logo
Galleria: 9 foto dell’Oxygen Bar, dove ordini l’ossigeno da respirare

9 foto dell’Oxygen Bar, dove ordini l’ossigeno da respirare

9 foto dell'Oxygen Bar, dove ordini l'ossigeno da respirare
Foto 1 di 10
x

Il problema dello smog è sempre più sentito, ormai in tutto il mondo. Ma ci sono città in cui l’inquinamento urbano è diventato una vera e propria emergenza, tanto da “costringere” gli abitanti a trovare ristoro lontano dai gas di scarico delle auto.

Una di queste è Nuova Delhi, la metropoli indiana che con un traffico eccezionale è abituata a convivere ormai da molti anni. Come aiutare i cittadini a disintossicarsi da tutto questo smog e prendere finalmente una boccata d’aria pura, senza dover chiedere loro di allontanarsi dalle loro case?

Da questo pensiero sono nati gli Oxygen Bar, dei veri e propri punti di ristoro dove respirare aria pulita. I primi a portare questa novità a Nuova Delhi sono stati Aryavir Kumar e Margarita Kuritsyna, che hanno avuto modo di provarla a Las Vegas, presso il The Venetian Resort. Rimasti colpiti da questo particolare servizio, i due giovani hanno deciso di ricrearlo in quella che è una delle città più inquinate del mondo.

Oxy Pure è il nome del primo Oxygen Bar che ha aperto i battenti a Nuova Delhi, lo scorso giugno 2019. E in questi mesi sta riscuotendo un successo sempre maggiore, tra i cittadini che vogliono provare questa nuova esperienza e i turisti che ne approfittano per “tirare il fiato” dopo aver respirato lo smog della metropoli. Al suo interno si possono assaporare alcune essenze a base di ossigeno purificato all’80-90%, una percentuale decisamente molto più elevata rispetto allo standard di Nuova Delhi – e di molte altre città del mondo, a dir la verità.

L'inquinamento plasma il Dna e provoca malattie cardiache e respiratorie

L'inquinamento plasma il Dna e provoca malattie cardiache e respiratorie

I clienti possono accomodarsi in quello che sembra a tutti gli effetti un comunissimo bar e ordinare la loro mistura preferita: basta indossare una mascherina nasale che viene poi collegata a un macchinario che distribuisce l’essenza prescelta. Ogni sessione dura circa 15 minuti, durante i quali non dovete far altro che rimanere seduti e respirare a fondo, per trarre tutti i benefici dell’ossigeno puro.

Nel menù sono disponibili diverse opzioni, create a partire da ossigeno mescolato con oli essenziali. Ce ne sono alla menta, alla lavanda, alla cannella, alla vaniglia e all’amarena, solo per citarne alcune. E ciascuna di esse ha delle proprietà benefiche per il nostro organismo: la menta è ottima per calmare la nausea, mentre la vaniglia è rilassante e favorisce il sonno. L’eucalipto, invece, viene consigliato per chi soffre di mal di gola e raffreddore. Insomma, c’è una mistura per ogni esigenza.

Attenzione, però: quello che viene servito negli Oxygen Bar non ha nulla a che fare con l’ossigeno medicato che troviamo negli ospedali. Non ha infatti alcuna indicazione terapeutica, e i suoi benefici sono ancora al vaglio della scienza. Tuttavia, 15 minuti di ossigeno puro possono rappresentare – magari anche solo psicologicamente – una via di fuga dal pressante inquinamento che permea la vita di tutti coloro che abitano a Nuova Delhi. E sicuramente questa idea potrà trovare presto un seguito in molte altre città.