Starbucks apre a Milano, il frappuccino è “all’italiana” - Roba da Donne

Starbucks apre a Milano, il frappuccino è “all’italiana”

Starbucks apre a Milano, il frappuccino è “all’italiana”
lapresse
Foto 1 di 8
Ingrandisci

In questi anni se ne è sempre parlato molto senza che l’idea si concretizzasse mai veramente; ma adesso è ufficiale: Starbucks aprirà i battenti dello primo store italiano.

L’evento accadrà venerdì 7 settembre, a Milano, nell’ex palazzo delle Poste in piazza Cordusio. A due passi dal cuore pulsante del capoluogo lombardo, piazza Duomo, la multinazionale di Seattle taglierà dunque il nastro del più grande negozio in Europa.

Il frappuccino, quindi, parlerà finalmente italiano. Ad aprire ufficialmente il countdown per la grande inaugurazione anche un video dell’amministratore delegato Starbucks, Howard Schultz, pubblicato sulla pagina Instagram del brand.

Nata nel 1971, Starbucks oggi conta, ultimo bilancio alla mano, 28.720 negozi in 77 paesi del mondo, ma al momento l’Italia risultava ancora assente nella mappa degli store del colosso americano; dell’apertura milanese si era parlato per la prima volta nel 2017, ma alla fine, come è noto, è stata rimandata di oltre un anno.

I pro e contro all'apertura di Starbucks nella patria del caffè espresso.

Ad avere la proprietà della gestione dei caffè Starbucks in Italia sarà Antonio Percassi, patron della squadra di calcio dell’Atalanta e dell’omonimo gruppo immobiliare, protagonista già dello sbarco in Italia di Victoria’s Secret e Lego Store e proprietario dei marchi Kiko, Madina, Womo e Bullfrog. Che ha rivelato di avere progetti ambiziosi per la versione italiana del brand, tanto da aver già ipotizzato nuove aperture…

L’apertura dello store milanese, naturalmente, significa anche posti di lavoro: oltre agli assunti, infatti, ci saranno gli apprendisti, dai 16 ai 30 anni, mentre l’inserimento professionale – di tre mesi, come d’abitudine in casa Starbucks – avverrà in collaborazione con la Fondazione Don Gino Rigoldi, mentre le borse di studio saranno fornite dall’Accademia Teatro alla Scala. Si stima che, solo nel 2019, saranno coinvolti circa 800 giovani.

Se siete curiose di sapere che aspetto avrà il nuovo store italiano di Starbucks trovate le prime immagini nella nostra gallery.