Da Filadelfia a Montecarlo per inseguire l’amore: la favola di Grace Kelly ha fatto sognare milioni di persone in tutto il mondo, rendendo, di fatto, la principessa di Monaco quell’icona intramontabile di fascino e bellezza che tutti conosciamo.

Omaggiata anche in un film uscito nel 2014 con protagonista Nicole Kidman, pellicola che RaiMovie ripropone in prima serata il 16 luglio.

Royal baby di Monaco: il principino Jacques e la linea di successione al trono
9

Nata in una benestante famiglia di Filadelfia nel 1929, Grace si trasferisce appena diciottenne a New York per intraprendere la carriera di modella e realizzare il sogno di diventare attrice. Ci riesce poco più che ventenne, quando, dopo alcune particine in tv, ottiene un ruolo importante in Mezzogiorno di fuoco, film cult di Fred Zinnemann, affiancando Gary Cooper che per quella parte vincerà un Oscar.

Il successo, quello vero, arriva però nel 1954, con La finestra sul cortile, sotto la regia di Alfred Hitchcock, che sembra quasi disegnare per lei ruoli indimenticabili nei suoi film, tra cui Delitto perfetto e Caccia al ladro. È però con La ragazza di Campagna, diretto da George Seaton, che vince l’Oscar nel 1955.

Al culmine della sua carriera di attrice Grace conosce il principe Ranieri. Si incontrano per caso, sulla Croisette a Cannes, e in meno di un anno sono già marito e moglie. Per amore, e per le ferree regole dell’etichetta di corte, Grace rinuncia ad Hollywood e si dedica completamente alla famiglia. Nel 1957 nasce Caroline, la primogenita della coppia, mentre un anno dopo il Principe Alberto; infine, sette anni dopo, Grace dà alla luce Stephanie.

Nota per le sue battaglie charity, – era Presidente della Croce Rossa – in quegli anni l’ex attrice riporta in auge la tradizione del Ballo delle rose, attirando nel principato di Monaco le più grandi stelle di cinema americano.

Il 13 settembre del 1982 “il vulcano bollente”, come la chiamava Hitchcock, perde la vita in un tragico incidente stradale. In viaggio dalla Francia a Monaco, con la figlia Stephanie, la macchina, con Grace alla guida, precipita in una scarpata. La figlia più piccola riuscì ad uscire in tempo dalla vettura, mentre la madre venne ritrovata priva di sensi, già in coma. Grace morirà 36 ore dopo, a soli cinquantadue anni, ma il suo mito e la sua storia d’amore rimarranno incancellabili.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!