logo
Stai leggendo: Il colosso dei giocattoli a rischio chiusura: a rischio 33mila posti

Il colosso dei giocattoli a rischio chiusura: a rischio 33mila posti

L'eventuale liquidazione di "Toys R Us" sarebbe una delle maggiori negli States da quando "The Sport Authority" ha fatto bancarotta nel 2016, chiudendo più di 460 negozi e licenziando 14.500 lavoratori.
toys r us

Brutta notizia per “Toys R Us” che ha comunicato ai suoi dipendenti di voler vendere o chiudere tutti i punti vendita. A riportarlo è il Wall Street Journal secondo cui a rischio ci sarebbero 33mila posti di lavoro: l’ex colosso dei giocattoli, infatti, ha fatto ricorso alla bancarotta proprio lo scorso settembre con circa 800 negozi di vendita negli Stati Uniti, compresi quelli col marchio “Babies R Us”. L’eventuale liquidazione sarebbe una delle maggiori negli States da quando “The Sport Authority” ha fatto bancarotta nel 2016, chiudendo più di 460 negozi e licenziando 14.500 lavoratori.

Un vero e propri disastro, che avrebbe pesanti ricadute sull’occupazione e dunque sull’economia del Paese. È doveroso sottolineare, comunque, che “Toys R Us”, nonostante la bancarotta con il Chapter 11, sta incontrando difficoltà a raggiungere un accordo coi creditori per la ristrutturazione del debito. Non dimentichiamo, poi, le vendite deboli proprio durante le festività che hanno scoraggiato ancora di più i titolari dell’azienda e che hanno allontanato, di fatto, la speranza di chiudere un accordo – in tempi brevissimi – coi creditori al fine di ristrutturare i suoi 5 miliardi di dollari di debito.

Tanti, troppi problemi che hanno spinto la società a valutare la possibilità di liquidare le sue operazioni negli Stati Uniti dove potrebbero chiudere 184 punti vendita, il 20% dei circa 800 negozi americani. “Toys R Us”, infatti, è entrata in bancarotta nel mese di settembre con un obiettivo ben preciso: quello di diventare un’azienda decisamente più snella e competitiva sul mercato. E, invece, non c’è riuscita. Intanto ha ottenuto un prestito da 3,1 miliardi di dollari per mantenere aperti i negozi e salvare i posti di lavoro. Ma il risultato, forse, non è stato quello sperato.

Il mondo dei giocattoli, dunque, sembra essere stato messo a dura prova dai videogiochi. Si spera, infine, che l’ex colosso dei giocattoli riesca ad uscire fuori da questo tunnel, da questa crisi nera. Nerissima.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...