logo
Stai leggendo: Picchiata dal Fidanzato Posta le Foto dei Lividi su Facebook per Denunciare la Violenza

Picchiata dal Fidanzato Posta le Foto dei Lividi su Facebook per Denunciare la Violenza

Brooke Beaton, ventisettenne statunitense, è stata picchiata dal fidanzato. Dopo averlo denunciato alla polizia, la ragazza ha immortalato i terribili lividi sul volto e ha postato le immagini su Facebook.
Il coraggio di Brooke Beaton: mostra i segni della violenza subita su Facebook
Foto di Tiffany Thoelke

Quando si parla di violenza femminile, si fa sempre fatica a trovare le parole più giuste. Perché nessuna espressione, nessuna frase può realmente rendere giustizia a ciò che una donna prova quando viene malmenata, violentata o peggio. Così la fotografa Tiffany Thoelke ha preferito ricorrere all’utilizzo delle immagini per cercare di dare voce a ciò che ha dovuto subire la sua amica d’infanzia Brooke Beaton, picchiata dal fidanzato.

Un servizio fotografico intenso, accompagnato da un post su Facebook. Tiffany Thoelke ha immortalato così il volto tumefatto della ragazza, i suoi lividi sul viso, ovvero le terribili testimonianze di ciò che è accaduto alla giovane. Si legge sulla pagina social della fotografa:

Questo non è make-up. Lei è Brooke, la mia bellissima amica, una madre, una modella, una donna straordinaria…con lividi reali. L’80% delle donne che subisce violenza non lo racconta. Ma lei ha deciso di parlare, con coraggio. E dare voce a tutte le donne che non riescono a far sentire la propria.

La ragazza, infatti, è stata aggredita dal fidanzato con cui aveva una relazione da quattro mesi. Ma Brooke ha avuto la forza di reagire, denunciando l’uomo alle autorità e dando una testimonianza pubblica di quello che ha subito. Il post ha ottenuto un successo virale: migliaia di utenti hanno scritto sui social messaggi di solidarietà, rispondendo all‘hashtag #SilenceHidesViolence (ovvero: “il silenzio nasconde la violenza”).

Foto di Tiffany Thoelke
Foto di Tiffany Thoelke

Stando a quanto ha riferito la stessa Brooke, lei e il fidanzato erano in macchina insieme quando hanno iniziato a litigare. Lui si è fatto prendere dall’ira: l’ha presa a pugni sul volto, cercando di strozzarla. La donna ha iniziato a sanguinare e ha tantato di chiedere aiuto, ma l’uomo ha cercato in tutti i modi di strapparle il cellulare. Successivamente,  si è fermato ad una stazione di servizio deserta per cercare di ripulire l’auto. La ragazza è riuscita a chiamare un’ambulanza e la polizia solo più tardi, quando il fidanzato l’ha riaccompagnata a casa e lei si è sentita finalmente al sicuro. Ora l’uomo è stato arrestato.

Purtroppo, però, questa non è stata la prima volta in cui Brooke si è trovata a dover gestire una relazione difficile: negli Usa la ventisettenne, infatti, era già conosciuta per la sua carriera di aspirante modella, ma soprattutto per essere stata la fidanzata di Adam Lind, star del programma di MTV 16 anni e incinta. Nel dicembre 2014, la giovane aveva denunciato l’uomo per abusi domestici, facendo poi cadere le accuse un paio di mesi dopo.

Foto di Tiffany Thoelke
Foto di Tiffany Thoelke

Davanti ai terribili ritratti immortalati da Tiffany Thoelke, molte donne hanno voluto ringraziare pubblicamente Brooke per il coraggio che ha dimostrato: non è certo facile riuscire a denunciare le violenze subite e la giovane ha saputo dimostrare una forza d’animo incredibile.

E sui social la solidarietà legata all’hashtag #SilenceHidesViolence non si ferma. Anzi: il riscontro mediatico positivo cresce di giorno in giorno. Noi della redazione abbiamo apprezzato molto il coraggio dimostrato da Brooke: non si parla mai abbastanza di violenza sulle donne. È vero ragazze?

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...