logo
Stai leggendo: Il politico che rinuncia all’indennità: “Diamo questi soldi alle scuole”

Il politico che rinuncia all'indennità: "Diamo questi soldi alle scuole"

Un esempio per tutti: il consigliere comunale Arcangelo Varlese ha rinunciato alla sua indennità politica per sistemare le scuole della sua città.
(foto:Web)
(foto:Web)

Un esempio per tutti il gesto del consigliere comunale Arcangelo Varlese.

(foto:Web)
(foto:Web)

Consigliere della cittadina di Marcon, in provincia di Venezia, ha deciso di rinunciare alla sua indennità come carica pubblica per destinare quei soldi (7.000 euro) alle scuole della sua città.
L’uomo ha deciso di usare i soldi per sostenere le spese necessarie ad imbiancare le pareti delle scuole e ha motivato questa sua dignitosissima scelta attraverso una lettera indirizzata al consiglio comunale.

“Informo che ho deciso di rinunciare al 70 per cento degli arretrati di mia spettanza e desidero che tale somma sia rimessa a bilancio a favore dei progetti di tinteggiatura/imbiancatura di aule e locali delle scuole di Marcon, come contributi agli asili nido e parte a favore delle associazioni di volontariato Avis, Croce Verde e Protezione Civile”.

Se anche i “grandi” politici del nostro BelPaese ragionassero in questo modo, per il bene della comunità e non dei singoli.

 

Il gesto di Arcangelo sarà l’inizio di iniziative simili da parte dei nostri politici? O dobbiamo gridare al miracolo e fare notizia di questo singolare gesto che invece dovrebbe essere quotidiano in un paese in crisi?

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...