logo
Stai leggendo: In arrivo i sensori per non scordare i bambini in auto

In arrivo i sensori per non scordare i bambini in auto

C'è anche il "Rear Occupant Alert" che, in altre parole, è un rilevatore di presenza di persone sul divano alla chiusura del veicolo: si tratta di un enorme passo in avanti per la prevenzione dell'abbandono dei bambini in auto.
bimbi in auto

Negli ultimi anni sono diversi i genitori che hanno dimenticato i propri figli in auto. Vuoi per lo stress vuoi per la fretta vuoi per la routine quotidiana, quella di lasciare i piccoli nella propria auto è diventata quasi una piaga che può avere effetti disastrosi. Per questo motivo Hyundai, proprio oggi, ha rivelato le prime immagini della nuova Santa Fe, suv di grossa taglia che verrà incontro alle esigenze dei genitori alle prese coi propri figli ma anche col lavoro. In questa nuova macchina ci saranno per la prima volta i sensori per non scordare i bambini in auto.

Nella nuova Santa Fe – che è stata annunciata con un “pacchetto completo dei più avanzati sistemi di sicurezza” – c’è anche il “Rear Occupant Alert” che, in altre parole, è un rilevatore di presenza di persone sul divano alla chiusura del veicolo. Si tratta di un enorme passo in avanti per la prevenzione dell’abbandono dei bambini in auto. E non è finita qui: ci sarà anche il “Rear Cross-Traffic Collision Warning”, ovvero un sistema che rileva possibili urti posteriori, potenziato con la frenata automatica così da evitare incidenti durante le manovre di retromarcia. Le macchine, di fatto, diventano sempre più “intelligenti” e vengono incontro alle esigenze dei genitori.

È luglio quando una madre, un po’ troppo sbadata, dimentica una bimba di un anno in auto in un parcheggio della metro di Bisceglie, nel Milanese. La piccola, in questo caso, venne salvata grazie all’intervento di un passante e della polizia che sfondò il finestrino per tirarla fuori. La bimba, portata all’ospedale più vicino, come scrive l’agenzia di stampa Ansa.it, subì un forte choc ma, fortunatamente, si salvò. La donna, 38 anni, dopo aver parcheggiato l’auto con la figlia di un anno dentro, prese tranquillamente un treno per andare a lavoro lasciandola lì per un’oretta. Poi l’intervento della polizia.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...