Dopo la cancellazione della Roe v Wade, legge che garantiva l’aborto a livello federale per tutte le donne americane, sorgono domande urgenti su come cambierà l’assistenza sanitaria per qualunque donna incinta affetta da cancro che vive in Stati USA in cui l’aborto è limitato o vietato.

In molti casi, quando a una donna incinta viene diagnosticato un cancro la scelta è tra la vita della donna o la vita del bambino: come riporta il New York Times, una donna di 36 anni, Rachel Brown, ha raccontato che l’anno scorso, dopo la diagnosi di cancro al seno ha dovuto fare questa difficile scelta, perché se si fosse sottoposta alla chemioterapia avrebbe potuto danneggiare il bambino che cercava di avere da oltre un anno, ma se non l’avesse fatta il cancro avrebbe potuto diffondersi e ucciderla. La donna, madre di due bambini, ha scelto di salvarsi la vita.

Dopo la sentenza della Corte Suprema, che ha annullato la Roe v Wade, le donne affette da cancro in gravidanza rischiano di non avere scelta. Se la vita del feto è intoccabile, le donne che vivono in Stati USA in cui l’aborto è limitato o vietato non avranno scelta se non quella di mettere a rischio la loro stessa vita.

Se già da prima della sentenza della Corte Suprema una donna incinta affetta da cancro stava “entrando in un mondo con enormi incognite“, come ha dichiarato al NYT Clifford Hudis, amministratore delegato dell’American Society of Clinical Oncology, adesso i medici e le pazienti si trovano davanti a ulteriori complicanze. “Se un medico non può somministrare un farmaco senza temere di danneggiare un feto, questo comprometterà i risultati?“, ha riflettuto il dottor Hudis. “È un mondo completamente nuovo“.

Come riporta la National Library of Medicine, il 40% delle donne in gravidanza affette da cancro presentano il cancro al seno, ma altri tipi di cancro nelle donne incinte includono il cancro del sangue, il cancro cervicale e ovarico, il cancro gastrointestinale, il melanoma, il cancro al cervello, il cancro alla tiroide e il cancro al pancreas. Nel caso della leucemia acuta spesso le pazienti non possono portare avanti una gravidanza se il cancro viene diagnosticato nel primo trimestre: devono essere trattate entro pochi giorni, e i farmaci sono tossici per il feto.

I farmaci antitumorali sono pericolosi per il feto durante il primo trimestre della gravidanza, e sebbene i vecchi farmaci chemioterapici siano sicuri nel secondo e terzo trimestre, non si conosce la sicurezza dei farmaci più recenti.

A mio parere, l’unica opzione accettabile dal punto di vista medico è l’interruzione della gravidanza, in modo da poter somministrare alla madre un trattamento salvavita“, ha dichiarato Eric Winer, direttore dello Yale Cancer Center, al NYT.

Incinta a 10 anni dopo un abuso, ma la legge nega l’aborto alla bambina

Pensando alla decisione della Corte Suprema Rachel Brown, citata all’inizio, ha dichiarato: “Mi sono sentita come se il motivo per cui ho fatto quello che ho fatto non avesse importanza“, ha detto. “La mia vita non contava… Non importava se avessi perso la vita, perché ero costretta a rimanere incinta“.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!