Nella giornata di ieri su molti siti d’informazione, italiani e stranieri, era rimbalzata la notizia di Kim Jong-un “in gravissime condizioni” dopo un’operazione chirurgica.
Il leader supremo della Corea del Nord sarebbe quindi in pericolo di vita? Dalle fonti ufficiali del piccolo stato asiatico non è arrivata nessuna conferma in merito.

La CNN ha indagato a fondo sulla notizia e ha pubblicato un articolo in cui vengono fatte delle precisazioni in merito.
Appare certo che Kim fosse assente alla festa nazionale in memoria di suo nonno, che cade il 15 aprile. Quattro giorni prima, invece, era regolarmente presente a un incontro di governo.

40 foto proibite della Corea del Nord salvate dalla censura del regime
41

Tuttavia alcuni “ufficiali degli Stati Uniti” che stanno “monitorando la situazione” hanno dichiarato alla CNN che le preoccupazioni circa lo stato di salute di Kim Jong-un sono “credibili”. Quello che, al momento, è difficile da confermare è l’effettiva gravità delle sue condizioni.

Daily NK, un quotidiano online nordcoreano che ha base in Corea del Sud, ha scritto che il leader nordcoreano avrebbe subito un’operazione al cuore il 12 aprile.

L’intervento chirurgico si sarebbe reso necessario per varie ragioni: fumo eccessivo, obesità e stress da lavoro. Sempre secondo DNK, molti dei medici che lo hanno assistito sarebbero rientrati a Pyongyang il 19 aprile perché le condizioni del leader supremo “erano migliorate” e non c’era più bisogno del loro aiuto.

Tuttavia qualsiasi notizia relativa alla Corea del Nord va presa con le pinze, in quanto nel Paese non esiste libertà di espressione e il governo lavora duramente per evitare qualsiasi fuga di notizie.

Il Capo dello Stato non è un semplice politico ma viene adorato quasi come un dio. Che le sue condizioni di salute non siano eccellenti è un dato di fatto, come dimostrano altre operazioni simili a cui si è sottoposto negli ultimi dieci anni. Anche in passato Kim Jong-un era “misteriosamente” scomparso dalla tv di regime per brevi periodi, salvo poi ritornare al suo posto qualche settimana dopo.

In conclusione: è probabile che il leader supremo si sia sottoposto a un’operazione ma al momento che sia “in condizioni gravi” è un’informazione pressoché impossibile da verificare. La sua assenza a una delle ricorrenze più importanti della Corea del Nord rimane comunque un indizio importante.

La discussione continua nel gruppo privato!