Serena Williams: "Ho rischiato di morire dopo la nascita di mia figlia"

Ha subito due interventi chirurgici, ha rischiato di morire ed è stata salvata in extremis: questa la storia della tennista Serena Williams che ha deciso di raccontare tutto in una lettera pubblicata dalla CNN.

In una lunga lettera pubblicata dalla CNN la tennista Serena Williams racconta di aver rischiato la vita dopo aver partorito la piccola Olympia, nata a settembre 2017. Sembrava essere una gravidanza tranquilla e, invece, durante un cesareo d’emergenza, la campionessa ha rischiato di morire a causa di una embolia polmonare. È lei stessa a raccontarlo:

Sono quasi morta dopo aver dato alla luce mia figlia, Olympia. Eppure mi considero fortunata. Anche se ho avuto una gravidanza abbastanza facile, mia figlia è nata da un cesareo di emergenza dopo che la sua frequenza cardiaca è scesa drasticamente durante le contrazioni. L’intervento è andato liscio. Prima che me ne accorgessi, Olympia era tra le mie braccia. È stata la sensazione più incredibile che abbia mai provato nella mia vita. Ma quello che è successo solo 24 ore dopo il parto sono stati sei giorni di incertezza.

Ha dovuto subire ben due interventi chirurgici:

Ho avuto un’embolia polmonare, che è una condizione in cui una o più arterie nei polmoni vengono bloccate da un coagulo di sangue. A causa dei miei trascorsi con questo problema, vivevo nella paura di questa situazione. Così, quando mi è mancato il fiato, non ho aspettato un secondo per avvertire le infermiere. Questo ha scatenato una serie di complicazioni di salute al punto da essere fortunata a essere sopravvissuta. La prima ferita si è aperta a causa della tosse intensa che ho subito a causa dell’embolia. Sono tornata in chirurgia, dove i medici hanno trovato un grande ematoma, un gonfiore di sangue addominale. E poi sono tornata in sala operatoria per una procedura che impedisce ai coaguli di arrivare ai polmoni. Quando finalmente sono tornata a casa dalla mia famiglia, ho dovuto trascorrere le prime sei settimane di maternità a letto.
Un ringraziamento, d’obbligo, per chi ha fatto di tutto per lei:
Sono così grata di aver avuto un un incredibile team di medici e infermieri in un ospedale con attrezzature all’avanguardia. Sapevano esattamente come gestire questi complicati eventi. Se non fosse stato per la loro cura professionale, non sarei qui oggi.
Serena Williams e le altre star che hanno raccontato il lato oscuro di essere madri
Lei, dunque, è stata salvata dalla tempestività e dalla professionalità dei medici, messi nelle condizioni di poter lavorare serenamente. Ma non è sempre così:
Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, le donne nere negli Stati Uniti hanno una probabilità tre volte maggiore di morire per cause legate alla gravidanza o al parto. Ma questa non è solo una sfida negli Stati Uniti. In tutto il mondo, migliaia di donne lottano per partorire nei paesi più poveri. Quando hanno complicazioni come la mia, spesso non ci sono farmaci, strutture sanitarie o medici per salvarli. Se non vogliono partorire a casa, devono percorrere grandi distanze al culmine della gravidanza. Prima ancora di partorire, le carte sono già contro di loro.

She's like "Mommmmmmmmmmm my friends are looking" #freshfaces

Un post condiviso da Serena Williams (@serenawilliams) in data:

E fa un esempio citando l’Unicef:
Come documentato dall’UNICEF in Malawi, Mary James ha camminato ore per raggiungere il centro sanitario più vicino mentre era in travaglio. Esausta, è arrivata alla struttura e ha dato alla luce, solo per perdere il bambino più tardi quel giorno. Ha scelto un nome per lui, ma non ha mai aperto gli occhi. Non ha mai pianto. Ha mantenuto il nome per se stessa. Purtroppo, il figlio senza nome di Maria non era l’unico. Quello stesso giorno, circa 2.600 bambini sono morti nel loro primo giorno di vita. Secondo l’UNICEF, ogni anno 2,6 milioni di neonati muoiono, tragicamente prima ancora che le loro vite inizino. Sappiamo che esistono soluzioni semplici, come l’accesso alle ostetriche e alle strutture sanitarie funzionali, insieme all’allattamento al seno, al contatto pelle a pelle, acqua pulita, farmaci di base e una buona alimentazione. Eppure non stiamo facendo la nostra parte. Non stiamo affrontando la sfida per aiutare le donne del mondo. Il bambino di Mary è morto perché non c’erano abbastanza medici o infermieri per salvarlo. Questo è un problema cronico che affligge i paesi più poveri. Ma cosa succede se vivessimo in un mondo in cui ci sono abbastanza ostetriche? Dove non c’è carenza di accesso alle strutture sanitarie nelle vicinanze? Dove farmaci salvavita e acqua pulita sono facilmente disponibili per tutti? Dove le ostetriche possono aiutare e consigliare le madri dopo la nascita? E se vivessimo in un mondo in cui ogni madre e ogni neonato può ricevere assistenza sanitaria a prezzi accessibili e prosperare nella vita? Quel mondo è possibile. E dobbiamo osare sognarlo per ogni donna nera, per ogni donna del Malawi e per ogni madre là fuori. In tutto il mondo, organizzazioni come l’Unicef si impegnano a fornire soluzioni semplici per conto di ogni madre e neonato. Queste soluzioni includono il reclutamento e la formazione di più medici e ostetriche, garantendo strutture sanitarie pulite e funzionali, rendendo disponibili i migliori 10 farmaci e attrezzature salvavita e, cosa più importante, consentendo alle adolescenti di richiedere cure di qualità. 
Infine ha chiesto a tutti di mobilitarsi: 
Ogni madre, ovunque, indipendentemente dalla razza merita di avere una gravidanza e un parto sano. E puoi contribuire a rendere questo una realtà. Come? Puoi chiedere a governi, aziende e operatori sanitari di fare di più per salvare queste preziose vite. Puoi donare all’Unicef e ad altre organizzazioni in tutto il mondo che lavorano per fare la differenza per madri e bambini bisognosi. In tal modo, entri a far parte di questa storia, assicurandoti che un giorno, chi sei o da dove vieni non decida se il bambino debba vivere o morire. Insieme possiamo fare questo cambiamento. Insieme, possiamo essere il cambiamento.

Articolo originale pubblicato il 21 Febbraio 2018

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!