A Naim Darrechi,  il tiktoker spagnolo di 19 anni, il preservativo proprio non piace e così ha deciso di mentire per fare sesso senza nessuna protezione, semplicemente dicendo alle sue partner di essere sterile. Peccato però che non lo abbia detto solo sotto alle lenzuola, ma lo abbia confessato candidamente in una intervista al famoso youtuber iberico Mostopapi: “Mi sono detto, perché no? Forse ho un problema. Non lo metto più“, ha spiegato riferendosi al fatto che nessuna delle sue ex fosse rimasta incinta e, cogliendo la palla al balzo, ha ben pensato di usare la tattica del “Tranquille. Sono sterile” per dire addio al profilattico che tanto odia.

I motivi per cui (anche nel 2021!) possono accadere gravidanze indesiderate

Con le sue dichiarazioni choc il giovane, che conta su Tik Tok quasi 27 milioni di follower, ha dimostrato un atteggiamento ai limiti della violenza sessuale, completamente menefreghista del volere altrui e ha evidenziato la superficialità che ancora impera sul tema delle malattie sessualmente trasmissibili.

Di certo la sua intervista non è passata inosservata e la ministra delle Pari Opportunità spagnola, Irene Montero ha chiesto di aprire un’indagine su di lui: “Togliersi un preservativo o eiaculare dentro qualcuno senza consenso ora è un abuso sessuale e la nuova legge lo riconoscerà come aggressione”, ha commentato la ministra in un post su Twitter, riferendosi alla campagna #SoloSíesSí, che ha ampliato i reati sessuali includendo anche quelli legati al consenso. La nuova proposta di Legge verrà votata a settembre e se passerà, Naim Darrechi rischierebbe una pena di 12 anni di carcere.

Il video incriminato, contenente le dichiarazioni dell’influencer spagnolo, è stato cancellato ma le polemiche social non si sono certo fermate e a nulla sono servite le scuse di Darrechi: “Mi voglio scusare, davvero. A volte non mi rendo conto delle mie responsabilità”, ha detto. Per poi aggiungere: “Ho fatto un commento fuori luogo. Non è giusto. Qualche volta esagero. Quello che ho detto è assurdo e vorrei che non lo avessero pubblicato“.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!