IKEA non è famosa solo per l’arredamento low cost e le polpette, ma anche per lanciare idee sempre nuove e diverse, ispirate di volta in volta ai temi del momento.

Ecco perché, nel mese del Pride, a giugno, la filiale canadese del brand svedese ha deciso di partecipare alle celebrazioni lanciando una linea di divani ispirati proprio all’argomento del Pride, e quindi ai vari orientamenti sessuali rappresentati dalla comunità LGBTQ+.

EFTERTRÄDA, la linea di abbigliamento IKEA, finalmente in Italia: ecco la data

Sul sito canadese di IKEA un video mostra l’intera collezione, dieci divani che rappresentano diverse bandiere LGBTQ+, accompagnati da altrettanti video di persone che hanno scelto di condividere la propria storia rispetto alla loro identità o orientamento sessuale. Gli stessi designer, del resto, sono tre donne queer cisgender e un uomo etero che si è identificato come un “alleato”.

Certo, la forma e i dettagli dei divani non passano inosservati: alcuni, ma in particolare quello bisessuale, stanno destando molta curiosità sui social, con commenti che si sono letteralmente scatenati, come questo.

Ossessionato da come il divano bisessuale Ikea si trasformi in un oggetto di scena di un film horror quando cambi un po’ il testo e i colori.

Oppure

Il divano bisessuale IKEA non è reale, non può colpirti.

Le bandiere rappresentate nella collezione includono la bandiera non binaria, la bandiera transgender, la bandiera dei 2spirit – un termine ombrello usato da alcuni indigeni nordamericani per descrivere i nativi delle loro comunità che rientrano in un terzo genere tradizionale –  la bandiera bisessuale. Lo slogan della campagna, molto eloquente, è

C’è di più nel Pride che in un arcobaleno.

1. Jena - bandiera lesbica

Fonte: instagram @ikeacanada

Disegnato da Madison Van Rijn.

2. Scott - bandiera 2spirit

Fonte: instagram @ikeacanada

Disegnato da Bianca Daniela Nachtman.

3. Nathaniel e famiglia - bandiera transgender

Fonte: instagram @ikeacanada

Disegnato da Bianca Daniela Nachtman.

4. Marisa - bandiera non binary

Fonte: instagram @ikeacanada

Disegnato da Charlotte Carbone.

5. John - bandiera genderfluid

Fonte: IKEA

Disegnato da Charlotte Carbone.

6. Jules - bandiera transgender

Fonte: IKEA

Disegnato da Madison Van Rijn.

7. Waseem - bandiera Progress

Fonte: IKEA

Disegnato da Ali Haider.

8. Sarah - bandiera pansessuale

Fonte: IKEA

Disegnato da Bianca Daniela Nachtman.

Essere pansessuale significa essere bisessuale? Facciamo chiarezza

9. Brianna - bandiera asessuale

Fonte: IKEA
Asessualità grigia o graysexuality, cos'è? Nessuna confusione, basta fare chiarezza

Disegnato da Ali Haider.

10. Brian - bandiera bisessuale

Fonte: instagram @ikeacanada

Anch’esso disegnato da Charlotte Carbone, è diventato oggetto di moltissimi tweet che lo hanno definito inquietante.

 

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!