"Se mamma non avesse abortito non sarei qui": Maya Hawke sulla scelta di Uma Thurman

La figlia d'arte parla della scelta della madre, che ha rivelato in gioventù di avere interrotto una gravidanza, frutto della storia con un uomo più grande: "Era molto giovane, se non avesse abortito non sarebbe mai diventata la persona che è".

La sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha deciso di fatto di abolire il diritto all’aborto sta continuando a fare discutere, anche tra i personaggi che appartengono al mondo dello spettacolo. A dire la sua questa volta ci ha pensato l’attrice Maya Hawke, figlia di Uma Thurman, che ha voluto dire la sua su una scelta che ha avuto per protagonista sua madre quando era solo una ragazza.

Maya Hawke, orgoglio di mamma Uma Thurman e papà Ethan Hakwe

La prima a parlare della sua esperienza era stata la musa di Quentin Tarantino, che nel 2021, in un saggio sul The Washington Post, ha deciso di raccontare l’interruzione di gravidanza fatta quando era poco più di un adolescente.

La figlia d’arte ritiene però che la decisione di Thurman sia stata corretta proprio perché questa le ha permesso poi di diventare la donna che è oggi: “Era molto giovane, se non avesse abortito non sarebbe mai diventata la persona che è diventata. – sono state le parole di Hawke nel corso del suo intervento al programma The Tonight Show Starring Jimmy Fallon – Io non sarei esistita. La vita di entrambi i miei genitori sarebbe deragliata se non avesse avuto accesso ad un’assistenza medica sicura e legale”.

Come le donne hanno abortito prima che l’aborto fosse legale
.

La 23enne ha inoltre sottolineato come il provvedimento possa avere effetti negativi soprattutto per le persone che hanno difficoltà economiche: “Le persone benestanti saranno sempre in grado di abortire, ma tante persone invece dopo questa decisione non solo non saranno in grado di perseguire i loro sogni, ma rischiano di perdere la vita e di non essere al sicuro“. Quindi, un messaggio finale accolto da applausi a scena aperta: “Quindi voglio solo dire questo: fanc**o la Corte Suprema”.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!