Miss Italia 2018: il calendario neorealista curato da Gabriele Micalizzi

Il calendario 2018 di Miss Italia è il reportage di un sogno, un ritratto neorealista della bellezza femminile e della città di Venezia curato dal fotogiornalista e reporter di guerra Gabriele Micalizzi.

Miss Italia ha presentato a Venezia il suo tradizionale calendario che per l’anno 2018 è stato affidato al fotografo di guerra Gabriele Micalizzi che ha seguito le ragazze dell’edizione 2017 creando un vero e proprio romanzo neorealista sul sogno di diventare Miss e sulla bellezza rappresentata dalle ragazze e dalle città di Venezia e Jesolo set degli scatti.

Le foto, in bianco e nero, sono di un reporter di guerra, Gabriele Micalizzi, 33 anni, che da oltre dieci – come attualmente- è impegnato in Medio Oriente, spinto dalla forza, dalla curiosità, quasi una necessità morale: la stampa internazionale lo definisce “un testimone del nostro tempo”. E’ un reportage di pura cronaca del viaggio di 214 ragazze alla conquista del titolo di Miss Italia e alla ricerca del loro futuro: un racconto di volti e di storie illustrato da Micalizzi in modo rigoroso, con semplicità e chiarezza. Niente lustrini né pose glamour, ma bellezza e cultura declinati al femminile. E’ questo il senso del reportage di Miss Italia dove protagonisti sono anche i luoghi, scenari dal grande fascino come Venezia e la sua laguna, patrimonio mondiale dell’Unesco.

Fonte: Miss Italia – ph. Gabriele Micalizzi

Patrizia Mirigliani, patron del concorso, ha voluto così descrivere il calendario:

 ʺIl calendario è espressione di una bellezza non patinata, molto vicina alle tinte neorealiste che illuminano il bianco e nero degli scatti. E’ la sintesi, con la sua sfida al multiculturalismo e alle differenze, della modernità di un Paese che, dopo 78 anni, ancora plaude al passaggio di Miss Italia. Non c’è modernità che tenga davanti alla favola: le bambine, infatti, anche nel terzo millennio, continuano a sognare di potere indossare la corona subendo il fascino ‘aristocratico’ di Miss Italia”.

Fonte: Miss Italia -Uff.Stampa ph. Gabriele Micalizzi

Lo si può definire  “Il calendario del rispetto”: Miss Italia reclama il dovere di tutti nei riguardi della  Bellezza, delle donne, dell’ambiente e dell’architettura. Non a caso Miss Italia ha aderito alla campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia per rendere i visitatori sempre più consapevoli che si tratta di una città viva, fatta di persone che vogliono difenderla con l’impegno quotidiano del proprio lavoro.

Alice Rachele Arlanch, com'è cambiata la vita di Miss Italia in 1 mese
15
La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!