Un bambino di soli sei anni è morto a Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi, dopo avere bevuto in maniera accidentale un “cocktail” di detersivi che era stato preparato dalla mamma, che ha poi bevuto anche lei la sostanza per poi buttarsi dalla finestra del terzo piano di casa.

L’episodio è avvenuto il 18 luglio 2022, mentre il decesso è arrivato ora a distanza di due mesi.

I soccorritori sono comunque intervenuti sul posto, trovandosi di fronte una situazione tragica. La donna aveva con ogni probabilità deciso di lanciarsi dal balcone dopo avere visto il figlio stare male, rimbalzando prima su un telone per poi sbattere contro un’auto parcheggiata nelle vicinanze.

Una bimba guarita dall'Aids dopo essere stata curata con un cocktail di medicine sin dalle prime ore dopo la nascita

Al personale medico che lo ha aiutato pochi minuti dopo l’incidente il piccolo aveva provato a raccontare la sua versione dei fatti: “Ho bevuto la medicina della mamma“, erano state le sue parole. Successivamente era poi stato ricoverato presso l’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari, dove è deceduto a causa delle lesioni interne provocate dalle sostanze tossiche presenti in quella borraccia. La mamma, invece, si trova tuttora ricoverata in una clinica di Milano, dove è stata sottoposta a diversi interventi chirurgici, ma sono davvero pochissime le indiscrezioni che trapelano sulle sue condizioni.

La Procura di Bari e quella di Brindisi nel frattempo continuano a lavorare per cercare di capire cosa sia avvenuto quella mattina e se l’assunzione dei detersivi sia dovuta a un errore o a un atto volontario.

Nel frattempo, il sindaco di Francavilla, Antonello Denuzzo, ha indetto il lutto cittadino.Non ci sono parole adeguate, non ci sono pensieri opportuni. Proclamerò il lutto cittadino per il giorno in cui si terrà il rito funebre del piccolo Angelo. Per esprimere con il silenzio il cordoglio di tutta la comunità di Francavilla Fontana, che ha visto crescere un bimbo che oggi non c’è più” – queste le parole che l’uomo ha scritto sulla sua pagina Facebook.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!