È morta a soli 16 anni Fabiana Luzzi, uccisa a Corigliano Calabro. Tutta Italia si stringe intorno al dolore della famiglia e degli amici. Alcuni invocano la pena di morte per l’assassino:  “Le leggi italiane fanno schifo. Ci vorrebbe la pena di morte” si legge in un commento lasciato sulla pagina facebook della ragazza.

Il suo fidanzato coetaneo ha confessato di aver ucciso la ragazza, trovata poi carbonizzata alla periferia del paese.

La confessione del ragazzo lascia senza parole: “Abbiamo litigato, prima l’ho accoltellata, poi sono tornato con la benzina per darle fuoco. Sono stanco, voglio andare a dormire”. Non ha mai pianto nel corso dell’interrogatorio e non avrebbe palesato alcun segno di pentimento per quello che ha fatto. Ogni tanto sembrava emozionato, tutto qui.  


“Domenico Morrone avrebbe detto di avere accoltellato la fidanzatina al termine di una lite nata per il rapporto travagliato che esisteva tra loro. Un rapporto ripreso da poco e caratterizzato da gelosie reciproche. E’ stato lo stesso ragazzo a indicare dove si trovava il cadavere. La ragazza era scomparsa venerdì dalla sua casa di Rossano, ieri il suo cadavere carbonizzato è stato ritrovato a Corigliano Calabro, in una zona di campagna della città del cosentino non lontano dalla sua scuola.”

Domenico si è giustificato raccontando che la ragazza l’ha aggredito e lui per difesa l’ha accoltellata. La famiglia della ragazza era una famiglia “per bene!” e Fabiana non era la prima volta che si allontanava da casa. Già lo scorso anno era andata a casa di amici a Bologna senza avvertire nessuno.

“Era una brava ragazza e non meritava di fare la fine terribile che ha fatto. Non c’è giustizia”. Commentano gli amici. Inizialmente il giovane assassino, già conosciuto dalle forze dell’ordine per piccoli fatti, avrebbe raccontato di essere stato aggredito e, sotto le insistenze degli investigatori, si sarebbe spinto a fare anche dei nomi dei suoi presunti aggressori che, a suo dire, lo avrebbero voluto punire per certi suoi comportamenti.

Un racconto, però, che sin dall’inizio non ha convinto i carabinieri.

La svolta quando il ragazzo ha fornito le indicazioni per trovare il corpo della fidanzatina.

 Al momento nessun provvedimento è stato preso nei suoi confronti, ma nel corso della notte la sua posizione sembra destinata a cambiare.

Articolo originale pubblicato il 27 Maggio 2013

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!