logo
Stai leggendo: Muore poche ore dopo le nozze: la tragedia di Jamieka

Muore poche ore dopo le nozze: la tragedia di Jamieka

I primi sintomi li avrebbe avvertiti proprio durante la cerimonia ma nessuno avrebbe mai potuto pensare che di lì a poco sarebbe finita in ospedale, in fin di vita, per poi morire.
muore dopo le nozze

Ha 26 anni Jamieka, la ragazza che – poche ore dopo le nozze – è deceduta. Doveva essere un giorno indimenticabile e, invece, si è trasformato in un incubo. Nel giorno più brutto della sua vita. È successo ad Auckland (città della Nuova Zelanda, situata sull’Isola del Nord e abitata da oltre 1,4 milioni di abitanti) e, stando ai primi riscontri medici, la neo-sposa avrebbe contratto un’infezione da meningococco che per lei è stata fatale. I primi sintomi li avrebbe avvertiti proprio durante la cerimonia ma nessuno avrebbe mai potuto pensare che di lì a poco sarebbe finita in ospedale, in fin di vita, per poi morire.

La sposa, durante la cerimonia, aveva fatto sapere di non sentirsi tanto bene ma comunque era riuscita a dire il fatidico sì, a convolare a nozze sulla penisola di Whangaparaoa. Lo sposo, Alistair John, sconvolto per l’accaduto, ha raccontato al New Zealand Herald quella terribile giornata culminata con la morte della moglie Jamieka: “È stata incredibilmente difficile da elaborare. Jamieka ci è stata portata via senza preavviso da una malattia orribile e mortale“. Eppure la giovane donna in passato non aveva mai avuto problemi né sintomi, almeno prima del giorno del suo matrimonio.

La famiglia della vittima, intanto, ha rilasciato un comunicato in cui descrive Jamieka come “una moglie, una figlia, una nipote, una sorella, una cugina e un’amica amata da tutti”. Una donna che era “così felice di essersi sposata” con un matrimonio che sarebbe dovuto essere “un’occasione bella e gioiosa per essere circondata dall’amore”. “La persona più gentile del mondo“, così scrivono i suoi familiari. Jamieka, a soli 26 anni, amava la vita e sognava di costruirsi un futuro con il suo Alistair. E, invece, se n’è andata via troppo presto.

Secondo il centro regionale di sanità pubblica – che si occupa della prevenzione della diffusione dei batteri – ogni anno morirebbero in media 28 persone per l’infezione batterica legata alla meningite. 

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...