Chi è stata bambina o adolescente negli anni ’90 avrà un sussulto: Non è la Rai torna in tv.

Non parliamo, ovviamente, di puntate nuove, anche perché non sappiamo quanto, al giorno d’oggi, un formato come quello di allora potrebbe essere appetibile per un pubblico di giovanissimi, abituato a influencer e blogger di vario genere, ma delle repliche, che Mediaset Extra trasmette a partire dal 13 aprile dalle 21 alle 2 di notte.

Una specie di “maratona” della trasmissione cult ideata da Gianni Boncompagni e Irene Ghergo, andata in onda dal 1991 al 1995, che ha lanciato tantissimi nomi, su tutti Ambra Angiolini, ma anche Alessia Mancini, Alessia Merz, Laura Freddi, Cristina Quaranta, e tante altre che hanno poi scelto di prendere strade diverse rispetto al mondo dello spettacolo.

Sarà sicuramente un modo piacevole per trascorrere la quarantena, e magari far riscoprire anche alle giovani generazioni quel programma che ha segnato un’epoca.

La prima puntata del programma, tra i primi a utilizzare la diretta sulle reti Fininvest, andò in onda dallo Studio 1 del Centro Palatino a Roma, inizialmente condotta da Enrica Bonaccorti con Antonella Elia e Yvonne Sciò come “spalle”, mentre un centinaio di ragazzine giovanissime e scatenate occupavano il palco con balletti, canzoni, sketch e giochi a premi.

Da Ilaria a Pamela, che fine hanno fatto le ragazze di Non è la Rai

Oggi possiamo rivedere tutte le puntate con cui noi trascorrevamo i nostri pomeriggi. Una sorta di “operazione nostalgia”, magari in un orario non proprio comodo per tutti, ma che ci riporterà, con il pensiero, a un quarto di secolo fa.

La discussione continua nel gruppo privato!