logo
Stai leggendo: Perde gambe e braccia, lancia raccolta fondi per acquistare le protesi

Perde gambe e braccia, lancia raccolta fondi per acquistare le protesi

Lui è determinato, vuole combattere contro questa malattia che gli ha rovinato la vita. Per questo vorrebbe acquistare delle protesi, molto costose, che gli consentirebbe di tornare a vivere, di tornare a fare sport.
davide bartolomorana

Davide Morana era un grande amante dello sport. Poi, a causa di una meningite fulminante, la sua vita è cambiata. La stessa malattia che ha colpito l’olimpionica azzurra Bebe Vio ha distrutto i sogni del giovane Davide, 24enne di Bagheria, nel Palermitano, che adesso spera di poter tornare ad allenarsi. Spera di tornare a correre come prima. Davide, purtroppo, ha perso braccia e gambe ma non le sue ambizioni, la sua voglia di vivere e di tornare a sperare. Così ha postato sui social network un appello per lanciare una raccolta fondi che gli servirà a comprare delle protesi.

ANUNCIO IMPORTANTE!!🤗 Como os podéis imaginar, estoy deseando empezar la rehabilitación protésica. Dejar a un lado la silla de ruedas, volver a sentir lo que es estar de pie y caminar, poder comer y tomar objetos por mi cuenta...en resumen, recuperar mi independencia poco a poco, y convertirme en un chico biónico.🤖 Es un proceso lento, se requiere mucho esfuerzo y dedicación, y además quiero anunciar que necesito vuestra ayuda! Porque afortunadamente, el mundo de las prótesis está súper avanzado.  Pero desafortunadamente, los precios son inaccesibles para gente normal como yo. Y sí, la sanidad pública ofrece unas prótesis, pero son demasiado básicas, desactualizadas, y poco adecuadas para personas jóvenes, activas, con ganas de comerse el mundo con patatas.😹 Así que hemos abierto una web (LINK EN LA BIO!!) para recaudar fondos para estos brazos y piernas! Entre todos/as podemos conseguirlo!! Cada participación cuenta y es mega valiosa. Difunde y comparte!! Y GRACIAS, GRACIAS, GRACIAS por todo vuestro apoyo❤💪 #ARRIBALAVIDA #SIEMPRE ------------------------------------------------- ANNUNCIO IMPORTANTE!! 🙌 Come già avevo detto ad alcuni di voi, sono sul punto d'iniziare la riabilitazione protesica. Non vedo l'ora di camminare, correre, afferrare oggetti, mangiare da solo...e finalmente recuperare la mia indipendenza e diventare un ragazzo bionico 🤖 Fortunatamente al giorno d'oggi le protesi sono molto avanzate però sfortunatamente sono molto costose, e poco accessibili per ragazzi dalle tasche normali come me. Abbiamo aperto un sito internet (LINK NELLA BIO!!) per la raccolta di fondi dedicato a queste costose protesi. Il vostro aiuto è importantissimo e ogni piccolo gesto conta. Insieme ce la faremo!! Aiutatemi a diffondere!! 💪😁 E GRAZIE MILLE per tutto il vostro appoggio 💪❤ #ARRIBALAVIDA #SEMPRE #gracias #meningitis #amputee #amplife #disABILITY #prosthetic

Un post condiviso da Davide Morana (@davidebartolomorana) in data:

Tutto è cominciato a gennaio. Prima una febbre alta, poi il mal di gola. Andato in ospedale, gli era stato detto che si trattava di una semplice influenza. E, invece, no: la febbre saliva e iniziavano a comparire le prime macchie sulla pelle. Ricoverato in terapia intensiva, i medici capiscono subito che c’era qualcosa di strano: Davide stava rischiando di morire. Gli diagnosticano una meningite fulminante, lui rimane in coma farmacologico per una settimana. Poi si risveglia ma gli arti stavano andando in necrosi: nel giro di una settimana subisce diverse operazioni. Braccia e gambe gli vengono amputate. Dopo tre mesi viene dimesso: non è più in pericolo di vita ma non può più tornare a fare sport.

Lui è determinato, vuole combattere contro questa malattia che gli ha rovinato la vita. Così ha aperto un account su Instagram e anche un sito in cui ha raccontato la sua storia. Ora vorrebbe acquistare delle protesi, molto costose, che gli consentirebbe di tornare a vivere, di tornare a fare sport:

Non vedo l’ora di camminare, correre, afferrare oggetti, mangiare da solo. E finalmente recuperare la mia indipendenza e diventare un ragazzo bionico. Il vostro aiuto è importantissimo e ogni piccolo gesto conta. Insieme ce la faremo.