Un’indagine del Worker Rights Consortium (WRC), organizzazione globale che indaga sugli abusi sul lavoro, ha avviato un’indagine indipendente sul caso di Jeyasre Kathiravel, stuprata e uccisa l’anno scorso dal suo supervisore a Natchi Apparels, una fabbrica di Dindigul, un remoto angolo dello stato meridionale indiano del Tamil Nadu, che produceva abiti per H&M e altri marchi.

I risultati dell’indagine, condivisi con l’Observer prima della pubblicazione da parte del WRC, sono la prova di come il fast fashion faccia pagare alle donne il prezzo più alto.

Il caso di Jeyasre Kathiravel è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: i lavoratori della Natchi intervistati dall’Observer nelle settimane successive al suo omicidio hanno affermato che l’assassino, V Thangadurai, ora arrestato in attesa di processo, era noto per essere un predatore sessuale che operava impunemente in fabbrica.

Sapevamo tutti cosa stava facendo a Jeysare, ma a nessuno dei dirigenti importava“, ha dichiarato una donna che ha lavorato al fianco di Kathiravel. “Se si lamentava, aveva paura di perdere il lavoro“.

Le molestie sessuali che le donne stanno affrontando nell’industria dell’abbigliamento sono direttamente collegate alla loro disperazione di mantenere il lavoro a tutti i costi“, afferma Thivya Rakini, presidente del Tamil Nadu Textile and Common Labour Union (TTCU).

Nonostante la fabbrica abbia negato le accuse di molestie e omicidi, il risultato dell’indagine di WRC ha fatto luce sulle prove: le interviste multiple e la raccolta di prove con la collaborazione di più di 60 lavoratori li hanno portati a concludere che Kathiravel non è stata la prima operaia tessile a essere stata uccisa a Natchi. Secondo il rapporto, almeno altre 2 donne hanno subito questa sorte.

Anche se il WRC ha dichiarato che non ci sono prove della colpevolezza dei dirigenti della fabbrica, gli omicidi multipli delle dipendenti Natchi da parte di uomini in ruoli di supervisione non potevano essere distaccati dall’ambiente di violenza e molestie di genere che la direzione di Natchi aveva permesso.

Sono state tantissime le testimonianze delle operaie, che hanno raccontato di essere state vittime di bullismo verbale e fisico, molestie e abusi verbali, insulti sessuali e umiliazioni.

Fashion revolution: ti sei mai chiesto chi cuce i tuoi vestiti?

Subash Tiwari, amministratore delegato di Eastman Exports, che possiede Natchi Apparels, si è detto “scioccato” dall’omicidio di Kathiravel e ha dichiarato che la compagnia ha preso sul serio tutte le accuse e ha creato “sistemi, processi e procedure per proteggere e promuovere i diritti delle lavoratrici“, come riporta il Guardian.

Nonostante abbia annullato i suoi ordini presso Natchi, come riporta la stampa, H&M ha firmato un accordo separato con TTCU e due gruppi internazionali per i diritti dei lavoratori, l’Asia Floor Wage Alliance e il Global Labor Justice-International Labor Rights Forum.

È la prima volta che un marchio come H&M aderisce a un’iniziativa per affrontare la violenza di genere nell’industria dell’abbigliamento in Asia.

 

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!