logo
Stai leggendo: Il rifiuto e le parole di Ezio Greggio e la storia di suo padre, Nereo

Il rifiuto e le parole di Ezio Greggio e la storia di suo padre, Nereo

Il popolare conduttore ha deciso di non accettare il riconoscimento, per rispetto nei confronti di Liliana Segre e per la sua famiglia.

La notizia è di poche ore fa, ma è già diventato un caso mediatico. Ezio Greggio, al quale è stata proposta la cittadinanza onoraria di Biella, ha deciso di rifiutare il riconoscimento. I motivi sono decisamente importanti, e rispecchiano i profondi valori nei quali il conduttore è nato e cresciuto.

Si tratta di una decisione di principio, volta a mostrare al mondo intero il rispetto che Greggio prova nei confronti di un’altra persona alla quale quella stessa cittadinanza onoraria è stata negata.

Facciamo un passo indietro: qualche giorno fa, due liste civiche della cittadina piemontese a guida leghista avevano proposto il conferimento di questo riconoscimento a Liliana Segre, senatrice a vita e testimone vivente della tragedia dell’olocausto, perché “interprete dei valori di giustizia e di pace tra gli esseri umani”. Opinione condivisa da molti, ma alcune forze politiche hanno deciso di bocciare la mozione giudicando questo conferimento strumentale, sulla scia delle polemiche che fervono ormai da settimane sulla figura della Segre.

Ieri, però, è stata accettata la proposta di riconoscere la cittadinanza onoraria a Ezio Greggio, popolare conduttore televisivo e personaggio di spicco che, dei suoi natali a Cossato (a pochi passi da Biella), ha sempre fatto un vanto. Il presentatore di Striscia la Notizia è non solo un uomo molto famoso, ma si è anche impegnato in cause umanitarie importanti come il sostegno ai bambini prematuri, a nome dei quali ha fondato addirittura un’associazione. Insomma, il riconoscimento offertogli dalla giunta comunale di Biella è sicuramente meritato.

Ma Ezio ha deciso di rifiutare, adducendo come motivo il grande rispetto che prova nei confronti di Liliana Segre. Come riporta Ansa, il conduttore ha declinato l’onorificenza con poche, toccanti parole:

“Il mio rispetto nei confronti della senatrice Liliana Segre, per tutto ciò che rappresenta, per la storia, i ricordi e il valore della memoria, mi spingono a fare un passo indietro e a non poter accettare questa onorificenza che il Comune di Biella aveva pensato per me. Non è una scelta contro nessuno, ma una scelta a favore di qualcuno, anche per coerenza e rispetto a quelli che sono i miei valori, la storia della mia famiglia e a mio padre che ha trascorso diversi anni nei campi di concentramento”.

Ezio Greggio ha infatti più volte parlato di suo padre Nereo, scomparso all’età di 95 anni nel gennaio del 2018. Da giovane, durante la Seconda Guerra Mondiale, è partito come soldato per la Grecia e si è rifiutato di tornare in Italia perché avrebbe dovuto combattere contro i partigiani. Per questo è stato spedito in Germania, dove ha trascorso 3 anni in un campo di concentramento. Una storia terribile, che ci permette di capire ancora di più il profondo rispetto che il conduttore prova nei confronti della signora Segre.

Rating: 5.0/5. Su un totale di 3 voti.
Attendere prego...