Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Epidemiology, ha rilevato che il rischio di aborto spontaneo è maggiore nei mesi estivi (la ricerca è stata condotta in Nord America) rispetto alla metà dell’inverno.

In particolare, lo studio indica che le persone incinte in Nord America hanno il 44% di probabilità in più di un aborto precoce (entro le otto settimane di gravidanza) nei mesi estivi rispetto ai mesi invernali. Il picco di probabilità più alta è a fine agosto, dove la ricerca ha segnalato il 31% di probabilità in più di aborto spontaneo (in qualsiasi settimana di gravidanza) rispetto ai mesi invernali.

Sebbene i fattori che contribuiscono a un aborto spontaneo siano molti, primo fra tutti il fattore genetico, la correlazione tra aborto e calore è evidente e gli scienziati intendono approfondire la cosa.

Sappiamo che il caldo è associato a un rischio più elevato di altri esiti della gravidanza, come il parto pretermine, il basso peso alla nascita e il parto del feto morto“, ha spiegato in un comunicato stampa Amelia Wesselink, autrice principale dello studio e professoressa assistente di epidemiologia presso la Boston University School of Public Health.

Quello condotto dalla professoressa Wesselink e il suo team non è il primo studio che evidenzia una correlazione tra caldo e gravidanza: un’altra ricerca del 2021, pubblicata su Nature, ha dimostrato come l’esposizione a temperature elevate nelle prime settimane di gravidanza aumenti il tasso di aborto spontaneo nelle gravidanze clinicamente non riconosciute, mentre la permanenza al freddo sembrerebbe ridurre tale tasso.

Dunque bisogna preoccuparsi se si è incinte durante i mesi estivi?

È importante tenere queste informazioni nella giusta prospettiva“, ha spiegato a Motherly Hugh S. Taylor, medico, ginecologo ed endocrinologo riproduttivo e professore alla Yale School of Medicine, che non faceva parte del team di ricerca di Wesselink. “Gli aborti spontanei sono molto comuni all’inizio della gravidanza, ma le anomalie cromosomiche causano circa il 50% di tutti gli aborti spontanei nel primo trimestre. Si tratta di un fattore genetico su cui non abbiamo controllo; molto raramente un aborto spontaneo può essere evitato“.

Anche se un aborto spontaneo quasi mai può essere evitato è importante, normalmente e soprattutto in gravidanza, idratarsi e stare al riparo dal caldo, oltre che evitare sforzi troppo intensi, come ha detto Taylor.

Oltre quanti casi si parla di aborti spontanei ricorrenti?

Wesselink e il suo team intendono approfondire la correlazione tra caldo e gravidanza, per scoprirne anche la causa: “Dobbiamo approfondire questo aspetto per capire quali tipi di esposizione sono più frequenti in estate e quali di queste esposizioni potrebbero spiegare l’aumento del rischio di aborto“, ha concluso nel comunicato.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!