logo
Stai leggendo: La Royal Family celebrerà le sue prime nozze gay

La Royal Family celebrerà le sue prime nozze gay

Il cugino della Regina è già stato sposato, con Penelope Thompson dalla quale ha avuto tre figlie Ella, di 22 anni, Alix di 20 e Luli di 15. Dopo cinque anni dalla fine del matrimonio, il coming out.
cugino gay regina elisabetta

Guai a dire che la Royal Family non sia aperta o non sia al passo coi tempi. Ebbene, dopo il matrimonio dell’anno, quello tra Meghan Markle e il principe Harry, che ha catalizzato l’attenzione di tutto il mondo e che ha visto arrivare in Gran Bretagna fotografi e giornalisti da ogni parte, arrivano le prime nozze gay della Royal Family. A sposarsi sarà il cugino della Regina Elisabetta: si tratta di Lord Ivar Mountbatten, un uomo di 55 anni che ha deciso di convolare a nozze con il suo compagno James Coyle, di 56, assistente di volo conosciuto mentre si trovava al villaggio alpino di Verbier, in Svizzera. Sulle piste da sci è nato il loro amore.

Non è ancora stata scelta la data del loro matrimonio ma, secondo quanto riferisce il tabloid Daily Mail, sempre informato sui fatti riguardanti la Royal Family, potrebbe essere celebrato già a fine estate nella cappella privata della tenuta di Lord Ivar Mountbatten, nel Devon. La Royal Family, dunque, dovrà prepararsi al loro primo matrimonio gay della storia.

Lord Ivar è figlio cadetto di David Michael Mountbatten, terzo marchese di Milford Haven, testimone di nozze di Filippo e Elisabetta e ovviamente discendente diretto della regina Vittoria. Il cugino della Regina, tra l’altro, è stato sposato con Penelope Thompson dalla quale ha avuto tre figlie: Ella, di 22 anni, Alix di 20 e Luli di 15. Poi, dopo cinque anni dalla fine del loro matrimonio, è arrivato il coming out. Nessuno strappo dall’ex moglie visto che sarà lei ad accompagnarlo all’altare: una decisione che hanno preso le ragazze, le sue figlie, e che lei ha accettato subito. “Quando ne ho parlato a Ella, la più grande, lei ha risposto che non c’è niente di strano e che è così normale al giorno d’oggi” ha raccontato Lord Ivar.