logo
Stai leggendo: Rudy Zerbi: “È stato un colpo scoprire in tv che Mengacci fosse mio padre”

Rudy Zerbi: "È stato un colpo scoprire in tv che Mengacci fosse mio padre"

In tv siamo stati abituati a vedere un Rudy Zerbi sempre forte, talvolta rigido con gli allievi, ma che nasconde un'esistenza non solo fatta di grandi successi ma anche di momenti difficili e complicati.

Siamo abituati a conoscerlo come il giudice severo e integerrimo di Tu si que vales, ma Rudy Zerbi, intervistato da Silvia Toffanin a “Verissimo”, il programma del sabato pomeriggio di Canale 5, ha mostrato un aspetto inedito della sua vita privata, spiegando di come, a trent’anni, abbia scoperto che il suo vero padre fosse Davide Mengacci.

È stato un colpo pazzesco scoprire vedendo la tv, una Vigilia di Natale con mia madre, che Davide Mengacci era mio padre – ha rivelato Zerbi nel formato pomeridiano di Canale 5 – Mia mamma aveva appena scoperto di avere un brutto male e non voleva lasciarmi senza che io sapessi un pezzetto della mia vita e del perché io avessi questa passione per l’arte.

La Toffanin allora ha chiesto a Rudy Zerbi, ormai presenza fissa dei programmi di Maria De Filippi, se abbia perdonato Davide Mengacci per la sua assenza. Se, dunque, si sia fatto una ragione del fatto che a soli 30 anni abbia scoperto chi fosse il suo vero padre. Così ha risposto Rudy Zerbi:

Ho imparato nella vita che è sempre sbagliato giudicare, prima è più importante capire. Ho cercato di razionalizzare questo perdono, ma ho passato momenti di grande rabbia. Avrei voluto tanto crescere e condividere delle cose con lui. Comunque ora abbiamo recuperato il tempo perduto.

Rudy, però, tiene sempre molto a precisare una cosa: “papà” è colui che ti cresce, non il genitore biologico. Del resto, l’ex numero uno di Sony Italia ha ribadito anche recentemente che, per lui, il suo vero padre non può che essere Giorgio Ciana, secondo marito di sua madre, che entrò nella sua vita quando Rudy aveva appena 3 anni, dopo la fine del matrimonio di mamma con Roberto Zerbi (che riconobbe Rudy nonostante non fosse figlio suo, dandogli il proprio cognome). Tanto che, per il compleanno dell’uomo, lui gli aveva riservato una dedica dolcissima su Instagram.

I figli sono di chi li cresce – ha chiarito Rudy – Per questo mio papà è Giorgio.

Rudy non ha dimenticato di ringraziare anche Maria De Filippi, la donna che più di tutti ha notato le sue fragilità e lo ha aiutato in un momento di grande difficoltà:

Io devo ringraziare Maria De Filippi, lei mi ha veramente salvato la vita. Ero in un momento di grande difficoltà perché avevo chiuso il mio contratto con una casa discografica e avevo già tre figli. Con la sua proposta mi ha dato la possibilità di poter continuare a vivere grazie alla mia passione per la musica e a mantenere la mia famiglia.