Ornella Vanoni è Senza fine: un film sulla sua vita da fiaba a Venezia '78

È un documentario presentato alla Mostra del Cinema come Evento Speciale delle Giornate degli autori il 10 settembre 2021. C'è lei, la sua musica, i suoi amori, la sua ironia in una lunga chiacchierata con la regista Elena Fuksas.

Senza fine, proprio come la canzone, solo che durerà 60 minuti ed è il film documentario che racconta la vita di Ornella Vanoni. La pellicola sbarca alla 78esima Mostra del Cinema di Venezia come Evento Speciale delle Giornate degli autori il 10 settembre 2021. Il titolo è quello di una delle sue canzoni di maggior successo e che scrisse per lei uno dei suoi grandi amori, Gino Paoli.

Il film racconta di lei: Ornella Vanoni, classe 1934, una delle cantanti italiane più amate ed è ambientato in un hotel degli anni ’40, una sorta di beauty farm. Mentre l’artista si sottopone ai suoi trattamenti di benessere ripercorre insieme alla regista, Elisa Fuksas, la sua esistenza. La musica, i grandi amori, i momenti più intimi che ha vissuto e che riflettono l’immagine vera di una donna che nella vita ha sperimentato molto ogni sentimento e che oggi viene celebrata come un’icona della musica italiana.

Lo stereotipo del toy boy e 3 cliché tossici da sradicare

Ogni attimo della chiacchierata con la regista viene ripreso nel docu-film, anche le piccole discussioni tra le due. Oltre a loro, intervengono tanti ospiti e amici di Ornella: tra questi Vinicio Capossela, Samuele Bersani e Paolo Fresu. Il trailer lo presenta la protagonista stessa in un post sul suo profilo Facebook e parte come una domanda: “Perché fare un film su di te?”. Vanoni, con la sua inconfondibile voce, risponde: “Un film su di me è fino a un certo punto reale. È come una fiaba”. Gioca, canta, nuota, piena di ironia come sempre e ferma nelle sue posizioni. Questo traspare dalle poche immagini che concede l’anticipazione.

L’ultimo lavoro della cantante è un disco uscito a gennaio 2021 dal titolo Unica. Un cd che, come dice lei stessa sui suoi social, è: “Un album prezioso, a cui tengo molto. Prendetevi un momento per ascoltarlo, apprezzarlo, sfogliarlo… è un disco di canzoni da ascoltare per intero, come si faceva una volta”.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!