logo
Stai leggendo: Il Bimbo Autistico ha Paura delle Forbici: Ecco Cosa si Inventa il Barbiere

Il Bimbo Autistico ha Paura delle Forbici: Ecco Cosa si Inventa il Barbiere

James Williams è un barbiere bravissimo con i bambini. Esattamente ciò di cui aveva bisogno Denine, mamma di Mason, un bimbo speciale di 4 anni: il piccolo è affetto da autismo, ed è terrorizzato dalle forbici. James è tuttavia riuscito a tagliargli i capelli per la prima volta dopo quasi due anni e mezzo. Ecco come ha fatto...
james williams taglia capelli bimbo autistico
Fonte: dailymail.co.uk

Denine Davis è una mamma di 34 anni. Si è rivolta al barbiere 26enne James Williams perché aveva sentito dire che il giovane fosse bravissimo con i bambini. Ed era proprio ciò di cui Denine aveva bisogno, visto che il suo piccolo Mason di quattro anni è un bimbo speciale: è affetto da autismo ed è terrorizzato alla solo idea che qualcuno gli si avvicini con un paio di forbici a causa di una brutta esperienza vissuta quando il bambino aveva solo 18 mesi.

La stessa Denine è rimasta letteralmente senza parole quando ha visto James sedersi sul pavimento, senza battere ciglio, accanto a Mason che assolutamente non ne voleva sapere di sistemarsi sulla poltrona.

Denine e il suo compagno Jamie Lewis hanno fatto più volte visita al salone di James Williams in Galles, consentendo così al barbiere di costruire un rapporto privilegiato con il piccolo Mason. Martedì scorso, mentre il bimbo giaceva tranquillo sul pavimento “distratto” da un iPhone, James è riuscito nell’ardua impresa: si è messo accanto a lui e ha colto l’occasione per sistemare i capelli di Mason come si deve per la prima volta dopo due anni e mezzo.

james williams taglia capelli a bimbo autistico
Fonte: dailymail.co.uk

Persino mamma Denine non poteva credere ai suoi occhi, riferisce il Daily Mail:

Non riesco ancora a credere a ciò che James è riuscito a fare: la maggior parte dei professionisti come lui sarebbe semplicemente desideroso di passare al cliente successivo per non perdere soldi, invece a James non interessava affatto: ha concentrato tutta la sua attenzione su come aiutare Mason. La gente spesso non si rende conto di quanto possa essere difficile gestire un bimbo affetto da autismo e quanto possa essere complicato per me e Jamie. Questo è stato il primo taglio di capelli dignitoso che Mason abbia avuto dall’età di 18 mesi.

Dal canto suo, il “barbiere-eroe” James ha detto:

So quanto possa essere difficile, e la mia preoccupazione principale era di assicurarmi che Mason uscisse dal mio salone felice, e non turbato. Così, quando l’ho visto comodo e rilassato sul pavimento, ho pensato di mettermi nella stessa posizione e iniziare. Di sicuro è il posto più strano in cui abbia mai realizzato un taglio di capelli, ma se è questo ciò che funziona, allora va bene anche per me. Una volta che ho iniziato io, ho guardato Denine e Jamie: erano senza parole, non riuscivano a crederci. Vederli lasciarmi lavorare senza problemi ha significato molto per me. Ero soddisfatto di poter aiutare, ma non è che abbia continuato a pensarci. Tuttavia, prima che potessi rendermene conto, le immagini erano diventate virali. Ora un sacco di genitori vogliono portare qui i loro figli.

Il post sulla pagina Facebook di James con le tre immagini di Mason ha totalizzato dal 3 novembre quasi 13mila like e oltre 3.3oo condivisioni, senza contare il successo riscosso dalle singole fotografie, commentate da genitori del Regno Unito, America e persino dell’Australia.

post facebook james williams
Fonte: Facebook @James Williams

Ringrazio Denine e Jamie che mi hanno autorizzato a pubblicare questo sul mio wall, gli estremi che devi raggiungere per poter tagliare i capelli a un bimbo sono davvero straordinari e doversi sdraiare a terra è letteralmente da haha. A Mason qualche mese fa è stato diagnosticato un disordine dello spettro autistico, quindi Denine e Jamie sono stati indirizzati da me: ho cercato più volte di capire come tagliare i capelli a Mason, ma lui non mi consentiva di avvicinarmi a una delle orecchie e correva via ogni volta che lo facevo. Oggi ce l’ho finalmente fatta: eravamo entrambi in silenzio sul pavimento e lui mi ha permesso di fare un taglio di capelli vero e proprio, consentendomi di raggiungere un traguardo in un lavoro che amo e dando ai genitori tanta felicità. Quando gli ho chiesto di darmi il 5 finale, lui mi ha abbracciato!

Denine, che è madre di tre bimbi, ha raccontato anche cosa spaventi tanto Mason:

Quando aveva solo un anno e mezzo durante un taglio di capelli le forbici hanno leggermente ferito un orecchio: da allora lui non permette a nessuno di avvicinarsi a quell’orecchio ed è terrorizzato da ogni parrucchiere. Abbiamo cercato senza fortuna barbieri specializzati: non ne potevamo più di vedere i capelli di Mason sempre in disordine e trasandati; potevamo solo tagliarne alcune ciocche, ma questo peggiorava la situazione. Alla fine ho sentito parlare di James che era riuscito con successo a tagliare i capelli a un altro bimbo autistico. Io e Mason siamo venuti al salone un sacco di volte negli ultimi mesi in modo che lui potesse abituarsi al luogo; alla fine ha provato a farsi tagliare i capelli, ma ancora non abbiamo avuto fortuna. Fino a martedì: siamo rimasti tutti in silenzio a guardare, non potevamo crederci. Anche Mason è rimasto molto colpito. Di solito batteva un cinque a James, invece questa volta gli è corso incontro e l’ha abbracciato.

james williams taglia capelli bimbo autistico mason
Fonte: dailymail.co.uk

Che ne pensate, amiche? A noi questa storia ha colpito molto: racconta di empatia, amore, tenacia e tenerezza. E racconta del coraggio con cui vivono ogni giorno persone come Denine, il piccolo Mason e James. Insomma: bravi, bravissimi tutti!