Questa notte Telegram ha oscurato la chat principale dei migliaia di no vax e no green pass italiani per violazione dei termini di servizio. Il numero degli utenti della chat superava i 40mila iscritti.

Come riportato dalla stampa, da adesso non si può più accedere alla chat dei no vax, in quanto ha violato i termini di servizio dell’app di messaggistica. Questa chat era il principale canale usato dai no green pass e no vax per organizzare azioni sovversive (tra cui il boicottaggio di bar e ristoranti richiedenti il green pass) e manifestazioni in tutto il Paese.

La migliore risposta ai no-vax l'aveva scritta Benjamin Franklin 230 anni fa
7

Telegram ha chiuso il canale perché erano stati divulgati indirizzi, numeri di telefono e informazioni strettamente personali di numerosi virologi, politici e medici. Inoltre, nella chat si istigava all’odio e alla violenza. Quelle che erano di fatto azioni di stalking venivano accompagnate da vere e proprie minacce verso questi professionisti.

Questo gruppo incita alla violenza contro i medici che si occupano di vaccinazioni ” si legge nel messaggio con cui Telegram ha spiegato la decisione della chiusura della chat, come riporta la stampa nazionale. “Hanno pubblicato i nomi di specifici medici chiedendone il linciaggio. Tutto questo è contrario alla politica di Telegram”.

La società, con sede a Dubai (Emirati Arabi Uniti), ha inoltre specificato che aveva già da tempo avvisato gli amministratori della chat di fermare tali violazioni, ma senza ottenere risultati.

Tra le personalità minacciate nel canale, figura anche il nome del ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

La procura di Torino aveva già chiesto, nelle scorse settimane, la chiusura di questo canale richiedendo un dispositivo di sequestro. L’azione era scattata dopo che nel canale erano stati pubblicati indirizzi e numeri di telefono del governatore del Piemonte, Alberto Cirio, e di altri politici di Palazzo Chigi.

Ma non finisce qui: sempre questa notte è stata oscurata anche la pagina “Basta Dittatura Chat“, un altro canale organizzato dai no vax e no green pass, con oltre 7mila utenti.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!